Deschamps sarà al Parco dei Principi per assistere allo scontro


“Lo Stato Islamico vuole trarre vantaggio dall’attacco di Mosca”

Jean-Charles Brisard, presidente del Centro per l'analisi del terrorismo, fornisce dettagli in Apolline Matin su RMC riguardo alle minacce dello Stato islamico contro la Champions League e le sue partite nelle principali città europee. « Dobbiamo essere precisi sui termini. Questa non è una minaccia diretta da parte di un'organizzazione terroristica. Si tratta di appelli lanciati da un organo mediatico dello Stato islamico. Questi messaggi e questi appelli sono ripetitivi, ne abbiamo otto in dieci giorni che prendono di mira specificatamente impianti sportivi. Ciò significa che c'è la volontà da parte di questa organizzazione di stimolare i tifosi ad attivarsi, anche fornendo loro consigli operativi. Ieri sera (martedì), il messaggio finale sugli stadi era: Se non si può camminare negli stadi, attaccateli dal cielo. Usate i droni d'attacco. »

« Si tratta di un'organizzazione che vuole sfruttare il successo dell'attentato di Mosca del 22 marzo, moltiplicando questo tipo di appelli per tentare di commettere un grande attentato in Europa. Hanno provato a farlo negli ultimi mesi e negli ultimi anni , in Germania o in Francia in particolare nel 2022. Ed ecco, questo è quello che stanno cercando di fare ancora, grazie ad eventi sportivi di scala internazionale, che, lo sanno, hanno una risonanza mondiale. »

« Si tratta di un'organizzazione che nel corso degli anni ha ricostituito capacità operative, che ha saputo pianificare un certo numero di attentati sventati negli ultimi anni e negli ultimi mesi. Oggi credono tutti i servizi segreti occidentali « Oggi è un'organizzazione che ha raggiunto una soglia critica, che gli consente di preparare attacchi, sia mediante il controllo remoto di individui già presenti nei paesi presi di mira, sia inviando uomini per effettuare attentati. »

READ  Barcellona-Parigi-SG: a che ora e su quale canale vedere il ritorno dei quarti di finale di Champions League?

Deschamps atteso al Parco dei Principi

Didier Deschamps sarà presente sugli spalti del Parco dei Principi per assistere alla sfida tra PSG e Barça nell'andata dei quarti di finale di Champions League. L'allenatore della Francia coglierà l'occasione per osservare molti dei suoi nazionali, come Kylian Mbappé, Ousmane Dembélé, Randal Kolo Muani, Warren Zaire-Emery, Lucas Hernandez e Jules Koundé.

AP

Luis Enrique deve affrontare due grattacapi per il suo XI titolare

Mercoledì il PSG affronterà l'FC Barcelona nell'andata dei quarti di finale di Champions League (21:00, RMC Sport 1). Con quale squadra al calcio d'inizio? Aggiornamento sulle ultime tendenze.

>> Tutti i dettagli qui: Luis Enrique deve affrontare due grattacapi per il suo XI titolare

La probabile formazione del PSG contro il Barça: Donnarumma – Marquinhos, Beraldo (o Danilo), Lucas Hernandez, Nuno Mendes – Zaïre-Emery, Vitinha, Fabian Ruiz – Dembélé, Lee (o Ramos), Mbappé.

Un incontro in un clima di minaccia terroristica

Dopo le minacce del gruppo jihadista dello Stato Islamico mercoledì sera nell'andata dei quarti di finale di PSG-Barcellona Champions League, Gérald Darmanin ha organizzato un incontro.

>> Maggiori dettagli qui: un incontro organizzato martedì a Beauvau

Come Koundé affronta il suo bruciante duello contro Mbappé

Spesso schierato sul lato destro della difesa agli ordini di Xavi al Barça nelle ultime settimane, Jules Koundé ha buone probabilità di dover contenere Kylian Mbappé, mercoledì durante lo scontro dei quarti di Champions League contro il PSG (21:00, RMC Sport 1). .

>> Le sue dichiarazioni complete qui: come Koundé affronta il suo bruciante duello contro Mbappé

« Non sappiamo ancora cosa fare. È un giocatore diverso. È un giocatore davvero diverso e dobbiamo fare tutto il possibile per fermarlo. Questo sarà il nostro obiettivo. Lo gestirò come una partita come qualsiasi altro. »

« Lui è fatto così », la risposta di Xavi all'uscita di Luis Enrique sul miglior rappresentante del DNA del Barcellona

Questo martedì, alla vigilia dell'andata dei quarti di finale di Champions League tra PSG e Barça (mercoledì alle 21 su RMC Sport 1), Luis Enrique stima che era il miglior rappresentante dell'identità videoludica catalana. Poche ore dopo, Xavi ha risposto all'allenatore parigino cercando di sdrammatizzare questa uscita.

READ  De Rossi (Roma): “Nessun giocatore è riuscito a riprendere la partita” dopo il disagio di Ndicka

>> Le sue dichiarazioni complete qui: La risposta di Xavi all'uscita di Luis Enrique sul miglior rappresentante del DNA del Barcellona

« Lo conoscete, è fatto così. Abbiamo un buon rapporto, lo rispetto », ha assicurato alla stampa il tecnico catalano. « È uno dei migliori allenatori al mondo. Ha un'ottima squadra. Ha una squadra costruita per vincere la Champions League ».

Come dovrebbe giocare il Barcellona al Parco dei Principi

L'FC Barcelona si recherà in Francia questo mercoledì per affrontare il Paris Saint-Germain nell'andata dei quarti di finale di Champions League al Parco dei Principi. Di ritorno dall'infortunio, Frenkie De Jong sembra in grado di iniziare il match da centrale anche se resta ancora un ultimo dubbio per la sua partenza. In attacco il fenomeno Lamine Yamal affiancherà Robert Lewandowski a meno di sorprese.

>> Tutti i dettagli qui: come dovrebbe giocare il Barcellona al Parco dei Principi

La probabile formazione del Barça contro il PSG: Ter Stegen – Kound, Araujo, Cubarsi, Cancelo – Gundogan, De Jong (o Sergi Roberto), Fermin Lopez – Yamal, Lewandowski, Raphinha.

Buongiorno a tutti

Benvenuti nella nostra diretta per seguire l'andata dei quarti di finale di Champions League tra PSG e Barça, questo mercoledì (21:00, su RMC Sport). Eliminato per due stagioni consecutive agli ottavi dal Real Madrid (2022), poi dal Bayern (2023), il Paris torna a questa fase della competizione per la prima volta dal 2021.

Sarà addirittura il primo quarto di finale del PSG in un Parco dei Principi con pubblico dopo quello contro il Manchester City nel 2016. Il Paris ha affrontato l'Atalanta a porte chiuse durante la Finale 8 a Lisbona nel 2020, poi il Bayern in un Parco senza spettatori nel 2021.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *