Di fronte all’incertezza sui diritti televisivi, i club della Ligue 1 stanno cercando altre fonti di finanziamento



Interrogato il 21 giugno, durante il consiglio d’amministrazione che ha presentato i termini della futura catena di lega, di sapere come i club avrebbero gestito le loro esigenze di liquidità, Vincent Labrune, presidente della LFP, ha risposto in sostanza di non farlo. Lo so già. Pur continuando ufficialmente a ripetere” fidati di Vincenzo » e sperando che alla fine l’atterraggio avvenga il più agevolmente possibile, i dirigenti dei club sono preoccupati e cercano soluzioni per evitare di rimanere senza soldi nelle prossime settimane.

Potrebbero non averne bisogno se un’emittente finisce per posizionarsi rapidamente. Nel caso della creazione di un canale della Lega, i loro sforzi forse non saranno inutili. Chi può contare su un azionariato solido, come PSG, Nizza, Rennes, Monaco, Strasburgo e Saint-Étienne o su fondi come Tolosa e Lille, potrà sperare in un prolungamento per rilanciare i propri flussi di cassa. Per altri, quelli il cui presidente è anche azionista di riferimento come a Nantes, Reims, Montpellier, Lens, Brest o quelli come Le Havre, Auxerre e Angers con mezzi limitati, se il proprietario non vuole o non può coprire, la situazione potrebbe rapidamente diventare pericoloso e alcuni potrebbero rischiare di dichiarare fallimento.

Prestiti bancari, richieste di fondi di investimento, factoring…

Secondo le nostre informazioni non è stata ancora intrapresa alcuna azione collettiva, ma gli specialisti finanziari stanno cercando soluzioni per molti di essi. Tra questi c’è il classico prestito bancario ma, senza conoscere l’ammontare delle tasse, le banche, già accese, non hanno fretta. “ E i loro tempi di studio e di risposta sono decisamente troppo lunghi rispetto all’emergenza », dice un esperto.

READ  Novak Djokovic dopo la qualificazione al 3° turno di Wimbledon: “Ancora un po' arrugginito”

Si possono anche cercare fondi di investimento e il factoring è un’altra possibilità. Questa pratica è comune durante i trasferimenti. Ad esempio, un club, che deve ricevere 10 milioni di euro in cinque rate per la cessione di un suo giocatore, riceve subito i 10 milioni di euro da un’organizzazione. Altri cercano di contrarre debiti finanziari sui mercati con fondi, assicuratori o qualsiasi altro organismo finanziario. Un metodo di funzionamento abbastanza comune nello sport statunitense.

Teoricamente il primo pagamento dei diritti tv dovrebbe avvenire il 15 agosto, il secondo il 15 ottobre e il terzo il 15 dicembre. “ Se i diritti tv non verranno pagati entro dicembre, i club di medie dimensioni perderanno tra gli 8 e i 12 milioni di euro in contanti.dice un manager. Per la maggior parte di essi, al calo dei diritti televisivi si aggiunge la perdita delle entrate di CVC rispetto ai due anni precedenti. (16,5 milioni di euro ogni volta). Il primo pagamento è spesso importante per la liquidità dei club perché le somme dei contratti di sponsorizzazione generalmente non sono significative a questa data, e viceversa spesso è necessario rispettare le scadenze di trasferimento, anche quelle vecchie. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *