Di nuovo nell'ottagono, Cédric Doumbè deve togliersi una spina nel piede



In uno sport così abitato dallo spettacolo, dove gli atleti devono costantemente alimentare la fiamma per non vedersi dimenticati, derisi o fuori moda, i lottatori si trasformano in capistazione. “L'hype (eccitazione) è in aumento. Saranno tutti sul treno. È come in una metropolitana, c'è gente che scende e alla fermata successiva gente che risale. » Le parole sono firmate Cédric Doumbè, prima del suo ritorno nell'ottagono questo venerdì, e dicono molto su ciò che circonda il suo ritorno in gabbia questo fine settimana: fischiare la fine della ricreazione e riavviare la macchina.

Conosce bene questi effetti moda, questi meccanismi di amore e disincanto nei confronti del pubblico, lui, il combattente esperto, ex campione del mondo di Glory (2016-2017 e 2019-2021), che venerdì sera gareggerà nel suo 7° incontro di MMA .

Sarà contro l'americana Jaleel Willis (32 anni, 16 vittorie, 5 sconfitte), nel co-main event della Bellator Champions Series 2, all'Accor Arena di Parigi-Bercy. Tuttavia, il fermento aveva raggiunto il suo apice meno di un anno fa, all'epoca della sua K.O. in 9 secondi contro Jordan Zébonel settembre 2023, sotto gli occhi di Kylian Mbappé.

Addirittura avvenuta in una situazione pazzesca – il combattimento è stato interrotto al terzo turno dall'arbitro Marc Goddard, dopo che Doumbè aveva chiesto di togliergli una fastidiosa scheggia nel dito del piede, che Goddard interpretò come un rifiuto di combattere da parte del francese – la sconfitta figura nel suo palmares , come il primo della sua carriera nelle arti marziali miste. E la costringe, oggi, a sferrare un duro colpo per rinascere.

READ  Rafael Nadal, sulla sua ultima partita a Madrid: "Il mio viaggio con la racchetta in mano non è finito"

Lava via l'insulto e preparati per il futuro

Abituato alle provocazioni, famigerato spaccone, Doumbè si è visto abbandonare una parte del pubblico delle MMA dopo questa sconfitta considerata da alcuni ridicola, al termine di un main event che sembrava un umido magolo, il combattimento che ha lasciato tutti con la voglia di di più dopo settimane di provocazioni tra i due combattenti e il tutto esaurito ottenuto in soli 20 minuti. Da allora non è sfuggito al ridicolo e sa che una nuova delusione sarebbe molto imbarazzante per i suoi progressi. “La pressione è più alta perché non puoi perdere due volte di seguito” ha ammesso prima del combattimento.

La pressione non ha impedito a lui, abituato ai pronostici pre-combattimento, di pronosticare un ko. contro Jaleel Willis. Giocabile? Senza dubbio. Seppur più esperto di Doumbè, l'americano ha avuto poco tempo per prepararsi alla lotta, sostituendo all'ultimo momento Derek Anderson, l'avversario inizialmente designato ma costretto al ritiro dopo un incidente motociclistico, a fine aprile. Poco conosciuto dal grande pubblico, Willis non ha brillato molto negli ultimi anni, lui che ha spesso avuto la meglio e resta con 3 sconfitte negli ultimi 4 incontri.

Con in programma, secondo i suoi desideri, un futuro incontro contro Anthony Pettis, ex campione UFC (2013-2015) ma che resta a quota 6 sconfitte in 10 incontri. Una scelta che può sollevare interrogativi ma che la dice lunga sulla volontà del francese di acquisire credibilità proponendosi un “nome” piuttosto che un avversario solido. Vorrebbe poi sfidare l'attuale campione dei pesi welter Bellator Jason Jackson, prima di difendere il suo titolo contro Magomed Umalatov, ormai imbattuto. Un intero programma.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *