Di ritorno da un infortunio e a pochi mesi dal ritiro, Andy Murray ha deciso di cambiare racchetta



Questa è la storia di un brand che l’accompagna da “ ventitré, ventiquattro anni », racchette che lo hanno portato alle gioie più grandi, tre trofei del Grande Slam – US Open 2012, Wimbledon 2013 e 2016 -, due titoli olimpici (2012, 2016), la Coppa Davis nel 2015, un Masters (2016) e il numero 1 posizione. Lo hanno accompagnato anche durante le sue otto finali Major perse e nei momenti di sofferenza in cui l'anca destra non lo lasciava mai solo. Da diverse settimane Andy Murray e Head non vanno più avanti insieme. “ Non ho lasciato Head “, ha assicurato sabato con una risata il 75esimo al mondo.

Tutto parte da un negozio di articoli sportivi

Tuttavia, lo scozzese non gioca più con una racchetta del marchio che conta come muse Novak Djokovic, Jannik Sinner o Coco Gauff. Due settimane fa a Bordeaux si stava allenando con un dirigente della marca Yonex. E questa domenica sera contro il suo rivale e amico Stan Wawrinka (39), che lo ha massacrato meno di quattro anni fa (6-1, 6-3, 6-2) sullo stesso campo di Philippe-Chatrier, sarà ancora così .

È successo tutto in una volta. Il 24 marzo a Miami, Murray si è infortunato alla caviglia sinistra e ha ceduto (5-7, 7-5, 7-6 (5)) contro il ceco Tomas Machac. In Florida ne approfittò per andare in un negozio di articoli sportivi. Se ne va con una decina di racchette, oltre ad una bilancia e una striscia di piombo adesivo utile per modificare il peso del suo attrezzo da lavoro. “ Mi ha tenuto occupato durante la riabilitazione. » Attraverso test e modifiche, si è rivolto ai team Yonex. “ Mi è piaciuta molto la racchetta, mi è piaciuto molto giocarci. »

READ  Casper Ruud vince contro Alejandro Davidovich Fokina nel 2° turno del Roland-Garros

“Il tennis è uno sport strano, sono pochissimi i giocatori che cambiano davvero attrezzatura durante la loro carriera”

A 37 anni e a pochi mesi dal riporre definitivamente le sue racchette, Murray continua a interrogarsi, a cercare le chiavi per vibrare ancora un po'. “ Il tennis è uno sport strano, sono pochissimi i giocatori che cambiano effettivamente attrezzatura durante la loro carrierachiese. Ma le cose stanno cambiando, il gioco è cambiato. »

« So che vogliono il meglio per Murrayha preceduto un atleta Yonex, il belga Zizou Bergs (102°), qualificato per il tavolo finale. Se non fosse stata la racchetta migliore per lui, sono sicuro che Yonex avrebbe detto: « No, non la prendiamo ». Sono così onesti nella cultura giapponese. Spero che funzioni bene per lui. » Per il momento, Yonex è rimasta discreta e non ha comunicato su questo argomento, e nemmeno Head.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *