Didier Deschamps, allenatore dei Blues, a proposito di N'Golo Kanté: « Ha un bellissimo sorriso »



“Come è andata la riunione con N’Golo Kanté?
Normale, naturale, sorridente. Conosce la casa, il castello. Anche se non è qui da un po', non è fuori posto. Non è la stessa situazione di Bradley Barcola, che arriva per la prima volta. Lo sa e ha un bellissimo sorriso, come tutti i giocatori arrivati ​​qui (Mercoledì) midi.

“Non ho dubbi sul lato leadership che è importante internamente”

Dall'ultima competizione avete perso due leader molto importanti, Hugo Lloris e Raphaël Varane. Hai qualche domanda sulla ripresa di questa leadership?
Hugo e Raphaël, con la loro partecipazione a numerosi concorsi, occupano spazio e assumono questo ruolo di leadership, anche se lo fanno anche altri. Le staffette sono state prese bene con responsabilità ed equilibri diversi, ma non ho domande o preoccupazioni riguardo al funzionamento interno. Alcuni sono sempre più espressivi di altri e alcuni, quando c'erano Hugo o Raphaël, ascoltavano di più. Dalla loro partenza, le staffette sono state prese, non attraverso una grande competizione, ma non ho dubbi sulla leadership che è importante internamente, in campo e fuori. Capitano e vice-capitano, Kylian (Mbappé) e Antonio (Griezmann) Hanno anche un'ottima esperienza, non in una grande competizione in questo ruolo, ma conoscono le proprie responsabilità nei confronti del gruppo.

READ  Bryan Coquard dopo la vittoria al Tour de Suisse: “Da qualche settimana va meglio”

Quali lezioni trae dal rally di marzo che è stato deludente (0-2 contro la Germania, 3-2 contro il Cile) ?
Discutendone con gli altri allenatori, tutti abbiamo potuto analizzare che a marzo c'è stata una stanchezza maggiore del solito, legata all'andamento delle partite. C'erano anche molti giocatori infortunati e molte grandi nazioni hanno avuto un rally di marzo complicato. Marzo non è giugno. Rispetto a quanto accaduto a marzo, se avessi tre settimane di preparazione potremmo fare più cose. Lì è ridotto. C'è stanchezza fisica e psicologica, e quando arriviamo a fine stagione tutti i giocatori sono stanchi e il concetto di freschezza è un elemento essenziale, che può essere decisivo. Senza poter miracolosamente cambiare tutto, dobbiamo portare l'intero gruppo al massimo delle sue possibilità a livello individuale. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *