Didier Deschamps sulla preparazione all'Euro: « Le amichevoli hanno una funzione di prova generale »



Didier Deschamps era presente in conferenza stampa questo martedì, pochi minuti dopo la visita del suo capitano, Kylian Mbappé. Ha parlato delle amichevoli contro il Lussemburgo e poi il Canada, illustrando lo stato di forma della squadra.

“Kylian Mbappé è apparso molto sorridente e rilassato. Dato che la sua situazione personale è cambiata, vedi ogni giorno un nuovo Kylian?
È sempre lo stesso, non vedo perché sarebbe cambiato.

Perché è complicato trovare avversari dieci giorni prima dell'Euro e come ci si adatta a loro?
Lo dico da un po', è diventato sempre più difficile, tra chi non vuole, chi vuole giocare in casa, chi non vuole giocare contro di noi. Potrei anche avere alcune squadre con cui non voglio giocare. Ci assicuriamo di vedere chi è disponibile. Non ci adattiamo. Sono comunque molto felice, non abbiamo il Lussemburgo per impostazione predefinita. L’ultima volta ci aveva già fatto soffrire (0-0 il 3 settembre 2017). Questa è una squadra in pieno progresso.

Come vedi i progressi del Lussemburgo?
I giocatori non ci aiutano ma cercano di crearci problemi. Dovevamo incontrarci in gara ovviamente, conosco da tempo l'allenatore Luc Holtz. È un piacere per loro e per noi. Il Lussemburgo non è cresciuto ma ha il merito di avere uno zoccolo duro di giocatori esperti, anche qualche bravo giovane. Il mio collega non ha i miei stessi problemi. C'è sempre rispetto. Anche le nazioni “piccole” riescono ad ottenere buoni risultati.

“L’importante, per me e per lo staff, è coinvolgere tutti in relazione all’obiettivo collettivo”

Avete un'idea precisa sulla cerniera per l'allineamento all'Euro, oppure le amichevoli possono aiutare a fare chiarezza?
Tutto dipenderà dal livello di ogni persona. Non sono qui per cambiare sistematicamente, farò una prima scelta e vedremo come andrà. Ciò è valido per diverse posizioni. Non è mai stato risolto. Domani ce ne sarà un undici, domenica ce ne sarà un altro, forse dovrò modificare alcune posizioni. L’importante, per me e per lo staff, è coinvolgere tutti in relazione all’obiettivo collettivo. Posso contare su tutti i giocatori che sono lì.

Cosa differenzia N'Golo Kanté e Aurélien Tchouaméni come base di un centrocampista?
Innanzitutto è fisico, non vi dico niente. Non c'è necessariamente un punto basso ma dei centrocampisti. Nei sette che ci sono, tranne Antoine Griezmann che è centrocampista ma in un altro registro, possono essere complementari. Tchouaméni non ha la stessa stazza, N'Golo ha la capacità di grattare palloni, tantissimo. Possono giocare molto bene insieme, ma non domani o domenica.

READ  L'Auxerre entra ufficiosamente in Ligue 1 grazie alla vittoria sul Paris FC

In che condizioni fisiche sono i giocatori di Real Madrid e Milan?
A parte Tchouaméni, che ha un termine di consolidamento da rispettare oltre queste due partite, gli altri stanno facendo bene. Olivier Giroud e Théo Hernandez hanno giocato 45 minuti dall'altra parte del mondo. Sono arrivati ​​sabato, c'è stanchezza ma non è come per Ferland Mendy ed Eduardo Camavinga che sabato hanno giocato l'ultimo big match della stagione. I milanesi risentiranno della seduta odierna, a differenza di Mendy e Camavinga. Come Adrien Rabiot, per tutelarlo da un sentimento muscolare, niente di grave, e N'Golo Kanté, per motivi personali. Aspetto domani per sapere a chi posso rivolgermi oppure no.

C'era una novità oggi, hai preso il treno, dopo anni passati a prendere l'aereo. Com'è stato il viaggio ?
Molto bene, va bene. L'intervallo di tempo è diverso. Lo ha deciso il presidente della Federazione, lo abbiamo fatto senza alcun problema. Abbiamo dato molto piacere a persone che non necessariamente siamo abituati a incontrare. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *