Dika Mem, la finale di Champions League e il lutto



C'erano una decina di giocatori del Dunkerque in cima all'angolo dei tifosi del Kiel, venuti a sostenere il loro ex compagno di squadra Samir Bellahcene, partito per una folle avventura in Germania. Ma sabato il portiere delle “Zèbres” è caduto pesantemente dalle nuvole, travolto con la sua squadra da un uragano in Catalogna (30-18).

Dika Mem e il Barça, spietato, partiranno questa domenica sera per attaccare la finale di Champions League contro i danesi dell'Aalborg. “Era una partita che avevamo preparato benissimo per un mese e mezzo, ha detto il capitano catalano, lontano da ogni euforia. Ho detto ai miei compagni di svuotarsi, senza pensare al domani. »

È il ritorno alle buone abitudini per i blaugrana e il loro terzino destro stella (1,94 m, 26 anni), dopo i titoli vinti nel 2021 e 2022. Ma questo remake della finale del 2021 (vittoria 36-23) avrà un sapore molto speciale eco per il campione olimpico di Tokyo, in un periodo di profondo dolore personale.

“Mi concentro sulle Final Four e cerco di dare il massimo”

Il terzino destro del Barcellona Dika Mem parla della sorella

“Ovviamente non è facile. ha detto con modestia venerdì, durante l'incontro con i media nel giardino dell'hotel della squadra. Ma dopo aver parlato molto con la mia famiglia, mi sono detto che dobbiamo andare avanti. Da dove si trova lei avrebbe voluto che fossi felice, che dessi il massimo. Questo è quello che sto cercando di fare. Mi concentro sulle Final Four e cerco di dare il massimo. »

Sabato non ha disputato la migliore partita delle sue otto stagioni al Barcellona: 3/5 tiri, 2 assist e un paio di falli offensivi. “Mi sentivo stanco, nel secondo tempo non avevo più energia, ha ammesso, assicurando che non vi è alcun collegamento con il contesto. Ma sarò pronto per la finale. »

I suoi compagni di squadra non hanno dubbi a riguardo il suo connazionale Timothey N'Guessan : “È una macchina. » Giocatore completissimo, già considerato uno dei migliori del pianeta, il bambino di Eaubonne (Val-d'Oise) ha assunto questa stagione una nuova dimensione, ereditando la prestigiosa fascia da braccio rosso-oro della Catalogna . “Ho continuato a crescere con questo ruolo di capitano”dice il secondo cannoniere della Champions League (99 gol in 17 partite, una media di 5,8) dietro al parigino Kamil Syprzak (112 gol).

READ  Gli Stati Uniti danno una lezione alla Germania ai Mondiali

La sua leadership si esprime in particolare durante i timeout, dove non esita ad arringare i compagni in spagnolo. “È un esempio in campo e nel rapporto con i compagni, una persona simpaticissima”, si congratula con il suo allenatore, Carlos Ortega. Questa domenica pomeriggio, Mem sarà uno degli ostacoli più formidabili sulla strada della leggenda dell'Aalborg Mikkel Hansen, che si gioca la sua ultima possibilità di vincere finalmente la Champions League.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *