Dominic Thiem avanza al primo turno di qualificazione del Roland Garros



L'addio di Dominic Thiem al Roland Garros attenderà. Costretto alle qualifiche per la sua ultima apparizione a Porte d'Auteuil, prima di ritirarsi dal circuito a fine anno, l'austriaco, ora 131esimo al mondo – dopo essere salito al terzo posto nel suo miglior piazzamento nel 2020 -, ha trionfato è entrato in corsa lunedì.

Sul campo Suzanne-Lenglen, utilizzato per la prima volta nelle qualificazioni, la doppia finalista dello Slam parigino nel 2018 e 2019, ha rovesciato l'italiano Franco Agamenone (3-6, 6-3, 6-2), 228esimo. all'ATP e una sola partecipazione al big draw al suo attivo, nel 2022. Nel prossimo turno, Thiem affronterà il finlandese Otto Virtanen, 156esimo al mondo e alla ricerca della prima presenza nel tabellone finale.

Subito sotto 3-0, il vincitore degli US Open 2020 ha messo a segno un buon set prima di mettere in moto la macchina, alla testa e alle gambe. Spinto dal pubblico, che aveva quasi riempito le navate del Suzanne-Lenglen per assistere alla sua possibile finale a Parigi, Thiem ha ritrovato fluidità nei suoi movimenti, potenza nei suoi colpi e ispirazione nei suoi tiri una volta terminato il primo turno . Nel corso delle partite, ha preso il sopravvento, offrendo alcuni punti leggendari lungo il percorso, senza mai mollare la presa, addirittura sferrando colpi pieni di rabbia come per liberarsi definitivamente.

READ  Argento nell'eptathlon, Auriana Lazraq-Khlass porta la sua prima medaglia in Francia

Thiem ha invertito la dinamica

Il suo break all'inizio del terzo set, su una risposta mal giudicata di Agamenone, che con rabbia ha lanciato due volte la racchetta sulla terra battuta, ha finito per invertire la dinamica a favore dell'austriaco. Quest'ultimo è stato sicuramente più irregolare nell'ultimo turno, ma è stato comunque più solido dell'italiano, che tuttavia si è offerto il punto della partita con un « tweener » per superare Thiem, pollice in alto per salutare il gesto dell'avversario.

Dopo aver salvato due palle break nell'ultima partita, Thiem ha concluso l'affare in 2h19, con uno dei suoi smash rabbiosi, con un bacio al pubblico come ringraziamento. Ma ancora nessun addio.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *