Dopo essersi quasi assicurata la sopravvivenza, la squadra francese affronterà i leader mondiali



Uno come il numero di giocatori della NHL che la squadra francese ha incontrato nelle prime tre partite del Mondiale (il portiere lettone Elvis Merzlikins). 51. Come il numero di giocatori della prestigiosa lega professionistica nordamericana che i Blues incontreranno nelle prossime quattro partite, contro Stati Uniti (questo giovedì sera, alle 20:20), Slovacchia (sabato), Svezia (lunedì) e Germania (mercoledì). « Grandioso ! lancia Thomas Thiry, difensore francese. Il giorno prima siamo sul divano davanti allo schermo. Fantastichiamo sul loro stile di gioco, sulla loro vita da “NHLer”. E il giorno dopo li ritroviamo. E' solo positivo. »

L'esempio austriaco

La Svezia e gli Stati Uniti (due volte campioni olimpici ciascuno) sono tra le grandi nazioni dell'hockey su ghiaccio. Slovacchia e Germania sono un tono sotto, anche se gli slovacchi hanno vinto il bronzo alle Olimpiadi del 2022 e i tedeschi sono stati finalisti ai Mondiali dell’anno scorso.

Dopo aver incrociato i rivali per manutenzione (sconfitta contro il Kazakistan, 3-1, e la vittoria sulla Polonia, 4-2) – e anche sulla Lettonia, terza l'anno scorso (sconfitta per 3-2 dopo) – i giocatori allenati da Philippe Bozon si trasferiranno in un'altra dimensione. O no. « Mi preparerò allo stesso modo. Quando gioco una partita, è per vincere »dichiara Tim Bozon, attaccante, scelto dai Montreal Canadiens nel 2012 (senza mai giocare nella NHL in seguito).

READ  L'Espagnol Jesús Gil Manzano arbitra Atalanta-OM in Europa League

Se la Francia perde spesso contro le grandi vetture del Campionato del Mondo, ne ha comunque segnate alcune sul suo tavolo di caccia (Canada nel 1995 e 2014, Stati Uniti nel 1998, Russia nel 2013 e Finlandia nel 2017). Sa anche come infastidirli. L'anno scorso ha reso la vita difficile ai finlandesi, prima di perdere (5-3). « I ragazzi della NHL hanno più talento di noi, questo è certoaggiunge Tim Bozon. Ma hanno due braccia, due gambe, sono umani. A volte la maionese non si solidifica. »

“Abbiamo la possibilità di confrontarci con ciò che è meglio”

Tim Bozon, attaccante dei Blues

Così, martedì a Praga, l'Austria ha fatto scalpore tornando indietro di cinque gol in Canada in un unico periodo, prima di perdere ai supplementari (7-6). E la squadra francese non è mai così a suo agio come quando è outsider « Noi siamo molto più bravi in ​​contropiede, quando giochiamo meno con il discoosserva Anthony Rech, attaccante francese. Siamo abituati a giocare così. Usiamo più aggressività, più cane. »

Esperienza da conservare per il TQO

Di fronte agli americani, agli svedesi e agli altri tedeschi, i francesi cercheranno di fare meglio dell'anno scorso, quando persero tre volte, senza segnare un solo gol, indeboliti dagli infortuni. Vorranno anche accaparrarsi punti che garantiscano la loro permanenza, piuttosto sulla strada giusta. E fare esperienza, soprattutto in vista del TQO dei Giochi Olimpici del 2026, in programma a fine agosto.

“Dobbiamo imparare ad essere competitivi in ​​questo tipo di partitedice Tim Bozon. Abbiamo la possibilità di confrontarci con ciò che è meglio. È stato ricordato ieri (martedì) : in passato, una volta acquisito il mantenimento, si tendeva a rilassarsi. È un po' la mentalità dei perdenti o dei ragazzi che non vogliono progredire. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *