Dopo il trionfo in Qatar, Porsche ha trovato la chiave



Arrivando al Campionato Mondiale Endurance nel 2023, Porsche non è stata in grado di competere con la Toyota o con l’altro prestigioso nuovo concorrente, la Ferrari, nella sua prima stagione. La Casa tedesca, 19 vittorie alla 24 Ore di Le Mans, un record, ha fatto il guastafeste in occasioni troppo rare (3° posto in Portogallo e al Fuji per la 963 n°6 di Kévin Estre, André Lotterer e Laurens Vanthoor) e soprattutto deluso nella gara dell'anno, a Sarthe, con un 9° posto come miglior risultato, per il n°5 (Dane Cameron – Michael Christensen – Frédérick Makowiecki).

Risultati che hanno « un po' deluso » Essendo: “Sapevamo che sarebbe stato difficileha ammesso prima del lancio della stagione 2024. Ma chiaramente eravamo lì per vincere gare e salire sul podio, e non era così. Devi essere costante per tutta la stagione ed esibirti bene su tutti i circuiti. »

Sottolineando la giovinezza del programma, che non ha impedito alla Ferrari di vincere Le Mans, il francese ritiene anche che la sua squadra e la sua vettura abbiano fatto progressi durante l'inverno. Al punto da immaginare una tripletta in avvio di stagione, in Qatar a inizio marzo? Probabilmente no. “Sappiamo cosa abbiamo vinto, ma sarà sufficiente? », ha sostenuto. Apparentemente lo era.

Oltre ad un tracciato favorevole, piatto e senza grossi vibratori, potremmo anche immaginare che il BoP (Balance of Performance) abbia giocato un ruolo primordiale in questo improvviso guadagno di prestazioni. Anzi! Tra il periodo successivo alla 24 Ore di Le Mans della scorsa stagione e la prima gara di quest'anno in Qatar, la 963 ha sia guadagnato peso (da 1.046 a 1.048 kg) sia perso potenza (da 514 kW a 505 kW). Certo non erano le Hypercar più pesanti o meno potenti presenti a Losail, un “privilegio” riservato alla Toyota GR010 (1089 kg) e alla Cadillac V-Series R (499 kW), ma è quindi anche altrove che bisogna cercare cosa è nascosto dietro questa performance.

“L’affidabilità è migliore, ora possiamo concentrarci maggiormente sulle prestazioni”

Roger Pense, il capo del team americano che collabora con Porsche in questo progetto, è stato un po' più preciso: “Abbiamo migliorato la nostra comprensione della vettura, ad esempio dell’impianto frenante. E Porsche ha lavorato sulla trasmissione, sul propulsore. Anche l’affidabilità è migliorata e ora possiamo concentrarci maggiormente sulle prestazioni. »

Resta ora da confermare questo risultato questo fine settimana a Imola – su un circuito meno liscio e più accidentato di quello di Losail, che ben corrispondeva alle qualità della 963 -, dove il traffico sarà molto complicato da gestire e dove Toyota e Ferrari hanno un BoP miglioree soprattutto a Le Mans, tra due mesi (15-16 giugno), dove la Porsche cercherà il 20° successo.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *