Dopo una lunga attesa e una stagione deludente, l'OM attende il titolo in Coppa Gambardella



Un'eternità. Quarantacinque anni dopo la sua unica vittoria nella manifestazione, sette anni dopo l'ultima finale persa contro il Montpellier, con Bouba Kamara, Lucas Perrin e Yusuf Sari nelle sue fila, l'OM proverà questo pomeriggio a vincere la Coppa Gambardella. “È il coronamento di una stagione, ma per alcuni anche la meravigliosa apoteosi di un percorso formativo”, sorride il tecnico Christian Bracconi, che ha cercato di non mettere troppa pressione ai suoi. L'OM sarà favorito contro una coraggiosa squadra dei Lorena, che ha eliminato i centri di allenamento di Troyes, Metz e Saint-Étienne. “Hanno giocato un campionato regionale, ma ci hanno sorvolatospiega Bracconi a proposito di Nancy, che non ha mai vinto la “Gambarde”. Sono imbattuti in questa stagione, in 55 partite. »

In assenza dei suoi tre uomini forti, il centrocampista difensivo Yanis Sellami, il potente centrocampista Darryl Bakola e l'ideatore Enzo Sternal, tutti partiti ieri sera con i tricolori U17 contro la Spagna (1-0) per la seconda giornata degli Europei, l'OM sarà comunque poter contare su una ricca forza lavoro, “sia tra gli U19 che tra gli U17”ha detto Bracconi: “Per noi è una manna dal cielo, perché ci permette di mettere in risalto la squadra olimpica. » Osserveremo il centrocampista Gaël Lafont, visto ai supplementari contro il Benfica, il 18 aprile al Vélodrome, nel ritorno dei quarti di finale di Europa League (1-0, 4-2 al tabellone; 1-2 all'andata). . Quest'anno Bracconi ha riproposto questo elegante giocatore, fulcro del gioco del Marsiglia.

READ  Damian Lillard (Milwaukee) molto incerto per Gara 4 contro Indiana

Dietro, il portiere Aboubaka Dosso e il difensore centrale Paolo Trigano, eroi di un epico ottavo di finale contro il Le Mans (3-3, 6-5 in tabellone), con un pareggio dal secondo negli ultimi minuti, avranno l'opportunità di ricordiamo che sono anche l'anima della squadra, vincitrice di Parigi, Rennes e Reims. In attacco, l'imponente Kelyiane Abdallah (1,85 m, 71 kg), nipote dell'ex attaccante dell'OM Toifilou Maoulida, ha un contratto da professionista, come Lafont, e potrebbe sfoggiare i suoi gradi. Ha già raggiunto quota dieci gol in tutte le competizioni. Con nomi quasi simili ma qualità molto diverse, dovrebbero mettersi in mostra anche Kelyann Bezahaf e Kélian le Pirronec.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *