Dorian Coninx cerca conferme a Yokohama



Potremmo essere il campione del mondo in carica e terzo nel test event di Parigi lo scorso agosto potresti non avere ancora convalidato il tuo biglietto per le Olimpiadi di Parigi. Se indossasse una tuta da triathlon di un altro colore, Dorian Coninx sarebbe ovviamente già qualificato per Parigi ma benvenuto in Francia, dove i triatleti vincono i Mondiali quasi ogni anno (4 successi nelle ultime 5 stagioni) e dove quindi la concorrenza imperversa.

Nonostante tutto, il Grenoblois è ovviamente quello più vicino ad esserci perché gli manca ormai solo un criterio di conferma, ovvero la top 6 in una delle prossime due World Triathlon Championship Series (WTCS) a Yokohama (questo sabato alle 6 del mattino francese). ora, in onda alle 10 sul canale L'Équipe) o a Cagliari (25 maggio). Ma se ha deciso di affrontare il viaggio in aereo di 13 ore, la differenza oraria giapponese (+7 ore) e un acclimatamento sempre complicato, è perché il francese vuole porre fine alla suspense questo fine settimana.

Tanto più che la lista di partenza è piuttosto vantaggiosa in questa gara dal formato olimpico (1,5 km di nuoto, 40 km di ciclismo, 10 km di corsa) con l'assenza di Alex Yee (titolo di vicecampione olimpico) di Hayden Wilde (3° alle ultime Olimpiadi di Tokyo) e Tim Hellwig (2° nella Grand Final del 2023), tutti già qualificati per Parigi e molto felici di evitare un viaggio di ritorno in Asia.

READ  Mettersi alla prova o qualificarsi ai Giochi: diversi obiettivi per gli azzurri ai Mondiali di paraatletica prima di Parigi 2024

Gli outsider dei Blues

Inoltre, la lotta potrebbe concentrarsi sui Blues, visto che oltre alla presenza del campione olimpico Kristian Blummenfelt e del portoghese Vasco Vilaça, i Blues compaiono come outsider con Léo Bergère e Vincent Luis, anche Tom Richard.

Il primo nominato ha disputato una buona stagione 2023 (3° al mondo) ma non è ancora una priorità per i Giochi. La seconda viene da lontano e deve assolutamente mostrare le cose per cambiare la tendenza mentre Pierre Le Corre, autore anche di un criterio di qualificazione la scorsa stagione, lascia per il momento il campo libero a causa di un ritardo nella sua preparazione a seguito di un infortunio ad un metro di distanza.

Come Le Corre, anche Cassandre Beaugrand sarà assente in Giappone. Ma per quanto riguarda il vice-campione del mondo si tratta solo di una scelta di programmazione per evitare una trasferta troppo complicata. In vista della sfida tra gli azzurri, sarà a Parigi, qualunque cosa accada. E dovrebbe essere così anche per Emma Lombardi e Léonie Périault.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *