Droguet, Jeanjean, Janvier e Tubello superano il primo turno di qualificazione al Roland-Garros



Primo per Droguet

Vincitore del Francavilla Challenger dieci giorni fa, Titouan Droguet ha proseguito martedì il primo turno di qualificazione del Roland-Garros. Il 132esimo giocatore al mondo ha liquidato (7-6 (4), 6-3) il connazionale Jules Marie, che aveva travolto al primo turno in Italia (6-1, 6-0), per regalarsi il suo primo successo a Porte d'Auteuil.

« Non mi aspettavo di dargli 1 e 0, ha indicato il 22enne dell'Ile-de-France. Anche se ho vinto un torneo due settimane fa, non sono necessariamente molto fiducioso, sono un po' a corto di partite. Sono davvero felice di aver vinto. » Il suo prossimo avversario sarà lo svizzero Alexander Ritschard, 184esimo nella classifica ATP.

Roland sorride sempre a Jeanjean

Giunta al terzo turno nel 2022, poi al secondo l'anno successivo, dopo essere stata ogni volta invitata al sorteggio finale, Léolia Jeanjean è entrata con successo nelle sue prime qualificazioni al Roland-Garros, contro la rumena Andreea Mitu (7 -5, 6-2) . E questo nonostante un servizio rotto (46% delle prime di servizio) e tornei deludenti durante la stagione sulla terra battuta, anche se resta ai quarti di finale sulla W75 di Zagabria.

Gennaio senza pietà

Maxime Janvier ha sconfitto James Duckworth (6-3, 6-1), testa di serie numero 3, ottenendo il suo primo successo nelle qualificazioni al Roland-Garros dal 2017, dopo aver avuto l'onore del tabellone principale per tre anni consecutivi (2018 – 2020). Il 221esimo giocatore al mondo ha padroneggiato la sua materia (21 tiri vincenti, 82% dei punti conquistati dietro la prima palla) contro l'australiano, sicuramente poco a suo agio sulla terra battuta (4 vittorie per 10 sconfitte nel circuito ATP). Il nativo di Creil (27 anni) dovrà vedersela nel prossimo turno con lo spagnolo Alejandro Moro Canas, 190esimo nell'Atp e vincitore del Challenger di Roma a fine aprile.

Tubello è tornato dal nulla

Alice Tubello è uscita da un match andato in tutte le direzioni, contro la giovane taiwanese Ya Yi Yang (19 anni). Il 23enne dell'Alvernia, beneficiario di una wild card, se l'è cavata in 2h44' (5-7, 7-6 (6), 6-1), non senza aver salvato due match point nel secondo set. Una rivincita rispetto allo scorso anno, quando venne eliminata in partenza da Mona Barthel (6-4, 1-6, 6-2) dopo essere stata già invitata. Questa volta, la 374esima giocatrice al mondo avrà diritto a un altro giro di pista, contro Sara Errani (37 anni), veterana italiana finalista al Roland-Garros nel 2012. Un bel regalo.

READ  Didier Deschamps, dopo Francia - Lussemburgo: “Una buona prima prova”



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *