È il modo migliore per fuggire dal sistema solare


L’avventura spaziale umana si estende ben oltre il nostro sistema solare, ma lo spazio tra le stelle rimane in gran parte sconosciuto. Nonostante i progressi compiuti con sonde come Voyager 1 e 2, la nostra conoscenza dell’eliosfera, la regione in cui il vento solare incontra il mezzo interstellare, rimane incompleta. In questo contesto, i ricercatori stanno esaminando la necessità di inviare una nuova sonda per comprendere meglio questa frontiera cosmica. Per fare questo, hanno mappato i percorsi migliori.

Comprendere l'eliosfera

Sebbene venga spesso raffigurata come una bolla sferica attorno al sistema solare, l’eliosfera potrebbe in realtà avere una forma molto più complessa. Ricerche recenti suggeriscono che questo confine cosmico potrebbe esistere allungato in una determinata direzione o anche avere un A forma di mezzaluna. La potenziale complessità della sua forma solleva importanti domande sul suo funzionamento e sul suo impatto sul nostro ambiente spaziale.

Comprendere la forma precisa dell’eliosfera è infatti cruciale per valutare il suo ruolo nella protezione degli astronauti e della vita in generale dalle dannose radiazioni galattiche.

Ricordiamo che questa struttura funge da scudo, deviando gran parte della radiazione cosmica proveniente dallo spazio interstellare. Tuttavia, se la sua forma non fosse uniforme, alcuni settori potrebbero proteggersi meno bene da queste radiazioni, esponendo potenzialmente gli astronauti e le apparecchiature spaziali a livelli pericolosi di radiazioni.

Per determinare la vera forma dell'eliosfera e valutare con maggiore precisione il suo effetto protettivo e l'influenza sull'ambiente spaziale, la dottoressa Sarah A. Spitzer, dell'Università del Michigan, e il dottor Marc Kornbleuth, dell'Università di Boston, propongono di inviare una sonda di nuovo sul posto. Ma quale strada intraprendere?

READ  Torneo dei Candidati: Ian Nepomniachtchi solo di nuovo in testa
eliosfera del sistema solare
Una futura missione di sonda interstellare mira a viaggiare oltre i limiti del sistema solare. Crediti: Laboratorio di fisica applicata John Hopkins

Attraversare i fianchi

Attualmente solo le sonde Voyager 1 e 2 si trovano nello spazio interstellare, ma la loro capacità di studiare questo ambiente è limitata. Queste sonde, progettate inizialmente per esplorare pianeti giganti, non si spingono abbastanza lontano dal “naso” dell'eliosfera per fornire un quadro completo della sua forma e del suo funzionamento.

Nell'ambito del loro studio, i ricercatori hanno poi identificato sei potenziali traiettorieil cui obiettivo è massimizzare le scoperte scientifiche tenendo conto dei vincoli tecnologici e delle sfide logistiche.

Una delle principali conclusioni del loro studio è che attraversare i fianchi dell’eliosfera sarebbe una soluzione ottimale per studiare lo spazio interstellare e ottenere una migliore comprensione della sua forma. Cioè, gli scienziati si riferiscono all’idea di viaggiare attraverso le regioni laterali o periferiche di questa bolla protettiva piuttosto che spostarsi direttamente verso la sua parte anteriore o posteriore.

Secondo le proiezioni, una sonda che seguisse una delle traiettorie individuate dai ricercatori potrebbe consentire di raggiungerla fino a 400 AU, o anche 1000 AU, fornendo una visione senza precedenti del nostro scudo cosmico. Ricordiamo che un'unità astronomica (UA) equivale alla distanza Terra-Sole, ovvero circa 150 milioni di chilometri. Per fare un confronto, Voyager 1, che ha incontrato di recente grossi problemi informaticiè attualmente a circa 163 unità astronomiche (UA) della Terra.

I dettagli dello studio sono pubblicati in Frontiere dell'astronomia e delle scienze spaziali.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *