È in arrivo un rapido cambiamento da El Niño a La Niña. Quali saranno le conseguenze?


El Niño potrebbe presto cedere il passo, aprendo la strada a un rapido passaggio al suo modello atmosferico e oceanico opposto: La Niña.

El Niño et La Niña: dloro fenomeni opposti

Il bambino et La ragazza sono due importanti fenomeni climatici che si distinguono per i loro effetti opposti sui modelli meteorologici globali, creando condizioni atmosferiche e oceaniche contrastanti.

Durante El Niño, gli alisei, i venti costanti che normalmente soffiano da est, si indeboliscono, consentendo l’accumulo di acqua calda nel Pacifico orientale. Questa interruzione delle correnti oceaniche influenza le precipitazioni, le temperature e i fenomeni meteorologici in varie regioni del globo, tra cui Sud America, Nord America e Asia.

Durante La Niña, invece, gli alisei si rafforzano e spingono le acque calde verso il Pacifico occidentale, provocando la risalita di acque fredde lungo le coste delle Americhe. Questo cambiamento nella circolazione oceanica ha conseguenze opposte sul clima. Potrebbe portare condizioni meteorologiche più secche in alcune aree, mentre altre potrebbero sperimentare tempeste più intense e forti piogge.

canicalizzare il bambino
Durante un fenomeno El Niño, le temperature tendono ad aumentare in molte regioni del mondo. Crediti: by-studio/iStock

Rapidi cambiamenti in vista

Sappiamo che un nuovo El Niño è ufficialmente iniziato nel Pacifico nel 2023, preannunciando un’estate particolarmente calda in Europa. Tuttavia, il Centro di previsione climatica della NOAA riferisce ora che il fenomeno si sta indebolendo 85% di possibilità di passare a condizioni neutre prima di giugno. IL Centri nazionali per la previsione ambientale riferire che La Niña dovrebbe poi ritornare in vigore con una probabilità di 60% condizioni La Niña tra giugno e agosto.

Quali conseguenze?

Su scala globale, è probabile che si verifichi un evento del genere calo delle temperature, anche se gli effetti non si faranno sentire immediatamente, il che significa che il 2024 potrebbe essere ancora tra gli anni più caldi nella storia del clima. Ricordiamo inoltre che se durante il Niño i venti più forti in quota possono inibire la formazione e l'intensificazione dei temporali tropicali, durante La Niña le condizioni sono più favorevoli alla loro formazione. A causa della combinazione prevista di La Niña e delle temperature superficiali attualmente molto calde dell’Oceano Atlantico, i meteorologi stanno prevedendo una stagione delle tempeste molto attiva nell’Atlantico per quest’anno.

READ  Il digiuno intermittente di 8 ore è collegato a un rischio maggiore del 90% di morte cardiovascolare

Nel Nord America, ciò potrebbe significare un aumento del rischio di grandi uragani che colpiscono le coste orientali e sudorientali degli Stati Uniti, nonché le aree costiere del Messico e del Canada. Gli stati insulari dei Caraibi sono anche particolarmente vulnerabili alle tempeste tropicali e agli uragani durante le stagioni attive.

In Europa, sebbene gli uragani generalmente perdano intensità spostandosi verso nord ed est, le tempeste residue possono comunque avere un impatto significativo sulle regioni costiere causando forti venti, forti piogge e inondazioni.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *