Ecco ClimateGPT, un esperto di intelligenza artificiale sul riscaldamento globale


Secondo alcuni ricercatori, la lotta efficace al riscaldamento globale potrebbe essere ottenuta attraverso l’uso dell’intelligenza artificiale con competenze nel settore. Una fondazione per il clima ha sviluppato un’intelligenza artificiale a questo scopo: ClimateGPT.

Un nuovo supporto di aiuto

In generale, l’intelligenza artificiale è in grado di rispondere a domande complesse su un’ampia varietà di argomenti. È anche possibile svilupparsi scenari basati sulle probabilità. Ad esempio, nel marzo 2024, i ricercatori britannici hanno potuto farlo prevedere il rischio di estinzione di tutte le piante grazie alla loro intelligenza artificiale.

Il fondo decentralizzato Endowment for Climate Intelligence (ECI) ritiene che l’intelligenza artificiale possa anche aiutare a combattere il riscaldamento globale. L’ECI è all’origine di una nuova intelligenza artificiale specializzata in questo campo: ClimaGPT. La sua missione non è altro che lo sviluppo di nuove strategie per contrastare il riscaldamento globale.

Mentre l’IPCC ha già utilizzato l’intelligenza artificiale in passato per risolvere complessi problemi legati al clima, l’ECI ha creato ClimateGPT per un motivo particolare. In effetti, l’intelligenza artificiale dovrebbe farlo fungere da supporto per gli scienziatiai decisori politici e ai leader aziendali nelle loro azioni contro il riscaldamento globale.

IA ClimateGPT clima
Crediti: screenshot / ClimateGPT

Un’IA limitata e inquinante?

I media Il prossimo Web ha dettagliato tutte le funzionalità di ClimateGPT in un articolo pubblicato il 22 gennaio 2024. In effetti, ClimateGPT è stato alimentato da circa dieci miliardi di pagine web e diversi milioni di articoli scientifici sul riscaldamento globale. L’intelligenza artificiale dovrebbe quindi essere in grado di generare scenari climatici, sintetizzare dati di ricerca, ma anche identificare le vulnerabilità di un’infrastruttura o addirittura di una popolazione. È anche una questione di combattere la disinformazione online intorno al riscaldamento globale.

READ  Il vortice polare artico si è invertito bruscamente. Quali saranno le conseguenze?

Tuttavia, l’intelligenza artificiale non viene emulata solo nella comunità scientifica, per diverse ragioni. Innanzitutto, ClimateGPT non può produrre nuovi dati e così “ricicla” in qualche modo le informazioni già assimilate. Sebbene trarre conclusioni sia ancora possibile, lo sviluppo di nuove soluzioni è ancora un concetto molto astratto. Per ora, ClimateGPT lo sarebbe limitato ad un lavoro sommario.

Infine, un aspetto ancora più preoccupante affligge questo progetto: l’inquinamento. L’uso dell’intelligenza artificiale è ad alta intensità energetica e quindi fonte di emissioni significative dei gas serra (GHG). Tuttavia, questo è ovviamente un paradosso per un dispositivo che dovrebbe contribuire alla lotta contro il riscaldamento globale. Tuttavia, i creatori di ClimateGPT hanno sottolineato di voler limitare il più possibile l’impatto ambientale della loro IA.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *