Edouard Roger-Vasselin, vincitore del Roland-Garros nel doppio misto: “Spero di aver fatto qualche punto”



 » Che cosa ti senti dopo aver vinto il Roland-Garros nel doppio mistodieci anni dopo il titolo di doppio maschile?
Questo è un altro trofeo al Roland-Garros, dieci anni dopo quasi oggi, è il trofeo più bello che un francese possa avere, una doppietta. Averlo in single è un po' troppo tardi per me. È un giorno bellissimo, non potevo immaginare niente di meglio per avere questo trofeo tra le mani, per festeggiarlo con i miei figli, la mia famiglia, i miei amici, è semplicemente favoloso.

Dove lo classifichi?
È difficile fare paragoni. La prima al Roland-Garros dieci anni fa nel doppio maschile (con Julien Benneteau), rimane il più forte perché è il primo. Nonostante tutto, qui posso condividerlo con i miei figli, che è qualcosa di unico, la stessa donna di dieci anni fa, gli stessi genitori, gli stessi amici. Quando lo vedo salire sugli spalti, i miei cari, la mia famiglia o il pubblico che canta il mio nome, non c'è niente di più bello. C'è anche quello di Bercy sei mesi fa che è stato altrettanto straordinario, se riesco a vivere grandi emozioni ogni sei mesi, è fantastico. Ma spero di non aspettare sei mesi, un mese e mezzo, non sarebbe male.

Ti sei registrato solo due ore prima della scadenza con Laura Siegemund.
Inizialmente avevo programmato di giocare con una ragazza francese pensando a possibili Olimpiadi. Per vari motivi i giocatori non volevano giocare e gli altri giocatori francesi erano già impegnati, così mi sono ritrovato tutto solo, senza partner, 2-3 giorni prima della fine delle iscrizioni. Laura (Assedio) me l'aveva proposto più volte, so che è una grande giocatrice, gliel'ho offerto due ore prima della fine se era disponibile. Il resto della storia è bellissimo.

READ  Fiamma olimpica in Guyana e Caienna: programma, orari e intrattenimento per questa domenica 9 giugno

“Spero di poterne sperimentare altre che magari possano essere ancora più belle”

Avendo suonato su questo Philippe-Chatrier, ti viene voglia di riviverlo presto?
Ho detto al microfono a terra che vorrei tornare tra un mese e mezzo. L'obiettivo è stato per molto, molto tempo, dal giorno in cui è stato annunciato, partecipare alle Olimpiadi, spero di aver segnato punti oggi con questo titolo. Le emozioni che ci sono, le assaporerò, ma spero di poterne vivere altre che forse potrebbero essere ancora più belle. Spero di essermi dimostrato abbastanza bravo da essere selezionato.

L'idea è ancora quella di giocare il doppio misto alle Olimpiadi con Caroline Garcia?
Abbiamo giocato alcune partite insieme, è andata piuttosto bene, c'è un pensiero, mi piacerebbe davvero giocare con Caroline, penso che stia pensando di giocarle tutte e tre (semplice, doppia dama, doppia mista), è molto. Avevamo più o meno programmato di giocare il doppio qui. Forse se vede che ho vinto anch'io, non sono un cattivo partner, ma ovviamente sarei felice di giocare con lei se venissi selezionato.

“C'era l'opzione Pierre-Hugues Herbert, è un ottimo giocatore di doppio, ma l'opzione non è possibile perché non sarò tra i primi 10. Salvo in caso di wild card. Non so se questa opzione verrà mantenuta”

È possibile che giocherai a Wimbledon con il tuo partner alle Olimpiadi?
Sì, l'idea era questa, si realizzerà? Non è sicuro, perché ci sono molte opzioni e, a dire il vero, non abbiamo ancora deciso. Per ora, sono nelle opzioni. Inizialmente l'idea era quella di suonare con Nico (Mahut), per qualificarci insieme, io per essere tra i primi 10, lui per rientrare tra i primi 40. Lì il taglio è troppo rischioso, non avverrà. C’era l’opzione Pierre-Hugues Herbert, è un ottimo giocatore di doppio, ma l’opzione non è possibile perché non sarò tra i primi 10.

E se ricevesse una wild card?
Tranne nel caso di una wild card. Non so se questa opzione verrà mantenuta.

E giocare con Fabien Reboul o Sadio Doumbia?
Sinceramente non era l'idea iniziale, ma sicuramente l'opzione è sul tavolo perché loro sono i migliori in classifica e dobbiamo fare il taglio. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *