Eduardo Camavinga, prima dell'Europeo con i Blues: “La mia ambizione? Essere titolare… »



Eduardo Camavinga, sono entrato a fine partita contro il Lussemburgo (3-0), mercoledì sera, a Metz, meno di 48 ore dopo il ritorno dai festeggiamenti per la vittoria della Champions League a Madrid, è tornato ai due eventi di Clairefontaine. Della celebrazione, riconosce, con un sorriso: “Non abbiamo dormito molto. Ma era importante festeggiare la vittoria con il gruppo. Non ho necessariamente fatto qualcosa in particolare, ma succede nella mia testa, si tratta di vivere il momento presente. Ma dovevamo tornare in Francia. Dovevamo arrivare lunedì sera, ma Aurel' (Aurelien Tchouaméni) abbiamo discusso con l'allenatore e abbiamo potuto unirci a loro martedì all'ora di pranzo. »

Il giorno dopo, a Metz, quando andò a fare riscaldamento, non sapeva se sarebbe entrato. “L’allenatore mi ha detto che non sapeva se mi avrebbe portato dentro. Così alla fine, non volendo scaldarmi per niente, ho detto al microfono di Cyril Moine (il preparatore fisico, che si occupa di riscaldare i sostituti) che mi piacerebbe entrare in gioco… »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *