Ergin Ataman (Panathinaïkos): « Merci à Giannis Antetokounmpo! » »



Ergin Ataman (allenatore del Panathinaikos): “È una sensazione incredibile. Questa sera (Domenica), abbiamo ottenuto uno dei risultati più incredibili della storia del basket europeo. Il Panathinaikos torna ai vertici dopo essere stato 17esimo in classifica l'anno scorso, dopo aver aspettato per molti anni di tornare alle Final Four… Vincere il titolo con circa 15.000 tifosi del Panathina con noi. Dopo una partita pazzesca, iniziata malissimo regalando 36 punti, tutti, forse tu per primo, potrebbero iniziare a pensare che questa finale sarebbe molto noiosa.

Ma a questo non abbiamo mai pensato, né durante il riposo, né nello spogliatoio, mai. Ci siamo concentrati sull'innalzamento del livello di aggressività e difesa. La partita è girata a nostro favore nel terzo quarto, dove siamo rimasti a 7 punti, poi abbiamo mantenuto il controllo della partita. Nell’ultimo periodo abbiamo giocato un basket perfetto. Il Real è senza dubbio una delle migliori squadre di questa stagione. Ma come sempre nella storia della competizione, il primo nella stagione regolare non ha vinto il titolo, e noi siamo i campioni (sta ridendo) !

“Potremmo essere tentati di pensare che una vittoria o una sconfitta determinino il successo o meno della nostra stagione. La realtà è che sono orgoglioso dei miei giocatori”

Chus Mateo, allenatore del Real Madrid

Chus Mateo (allenatore del Real Madrid): “Congratulazioni al Panathinaikos. Meritavano di vincere stasera. Hanno avuto un secondo tempo fantastico. A proposito di partita, è la finale che conclude una stagione regolare molto difficile durante la quale abbiamo svolto un lavoro notevole. Certo, possiamo essere tentati di pensare che una vittoria o una sconfitta determinino il successo o meno della nostra stagione. La realtà è che sono orgoglioso dei miei giocatori. Hanno sempre lottato per ottenere questo doppio. Non ci siamo riusciti, ma ci abbiamo provato.

Non è facile da seguire. Abbiamo lottato fino agli ultimi tre minuti. Devo dire che nel primo tempo abbiamo capito cosa dovevamo fare contro la loro difesa. Dopo lo spogliatoio hanno alzato il livello fisico e noi abbiamo iniziato a perdere energie. Abbiamo iniziato a sparare troppo da fuori. Kostas Sloukas ha messo a segno i tiri più importanti nei momenti caldi che hanno fatto la differenza. Oggi abbiamo due opzioni: piangere, cosa che possiamo fare stasera, oppure alzarci. Questo è quello che faremo domani, lotteremo fino alla fine della stagione. È lo sport, a volte vinci, a volte perdi. Dobbiamo dimostrare che il carattere di una squadra del Real è rispettare il risultato e continuare sempre a lavorare. »

READ  I Denver Nuggets mettono i Los Angeles Lakers sull'orlo dell'eliminazione



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *