Eric Escande (Grenoble): “Ritrovarsi in finale è improbabile! »



Perso la sua finale Pro D2 l'anno scorso (Sconfitta per 14-3 contro l'Oyonnax a Tolosa), Grenoble prende la sua rivincita, sabato (17:30), contro Vannes, nella stessa fase della competizione e nello stesso luogo, per risalire nella Top 14.

In conferenza stampa e prima di giocare la seconda finale in due anni, i giocatori del Grenoble Steeve Blanc-Mappaz, Eric Escande e Julien Farnoux così come il loro vice allenatore Patrick Pezery si sono presi il tempo di assaporare i progressi compiuti dopo l'annuncio del ritiro dei punti da il club Luglio poi dentro Dicembre ultimo (fino a 12 punti, infine 8), che a lungo ha condannato le speranze della fase finale. Vogliono anche approfittare della finale giocata l'anno scorso e non ripetere gli stessi errori.

“Come ci si sente a tornare qui, un anno dopo la finale persa contro l'Oyonnax?
Steeve Blanc-Mappaz: E' bello, significa che abbiamo messo tutto a posto per tornare qui. Ma non è fine a se stesso. Conosciamo il risultato che abbiamo vissuto l'anno scorso e vogliamo evitarlo quest'anno. Conoscevamo la forza di Oyonnax l'anno scorso. In questa finale non abbiamo giocato il nostro rugby. Ma è stato un evento che ci ha fatto crescere. Da allora abbiamo guadagnato in maturità e serenità.

Fisicamente, come ti senti?
Julien Farnoux: Abbastanza bene. Ci sentiamo abbastanza freschi per combattere una bella battaglia domani. È stata una stagione lunga ma mancano solo 80 minuti da giocare e in questa fase della stagione non si pensa più troppo.

L'attesa è stata lunga dalla semifinale?
J: No, è stato bello. Ne abbiamo potuto approfittare. Sono momenti che vanno assaporati. Bisogna vivere l'evento appieno.

Eric Escande: Non abbiamo molto da perdere in questa finale, visto quello che è successo in questa stagione. Ti trovi qui? È improbabile (sorride)! Ci sono stati prelievi di punti ma anche tante altre cose internamente di cui non sei a conoscenza. Dobbiamo rendercene conto e assaporare il viaggio che abbiamo intrapreso.

Tutti si sono rimboccati le maniche.

Steeve Blanc-Mappaz, capitano del Grenoble.

Ritrovarsi qui è una forma di vendetta? Hai un'anima in più visto quello che hai passato in questa stagione?
E: Forse ci aiuta, sì. Che inconsciamente sarà dalla nostra parte anche durante la finale.

Quali sono state le parole per non mollare durante la stagione, soprattutto quando hai saputo del ritiro di 12 punti?
S: Ci sono state parole ma soprattutto azioni. Perché è un'altra cosa da dire » Forza ragazzi, non ci arrendiamo » ma farlo è un'altra cosa. Dopo questa botta in testa abbiamo reagito bene. Le vacanze di Natale sono state belle. Ma ricordo più i fatti che le parole. Tutti si sono rimboccati le maniche.

Sei sorpreso di vedere Vannes così in alto?
S: No, per niente. Sappiamo che hanno già fatto 2 semifinali (in realtà 3: 2019, 2021 e 2023). È un club che si sta muovendo nella direzione giusta. Quando vedi tutto quello che hanno fatto in questa stagione, non puoi essere sorpreso…

Quali sono i punti di forza che avete individuato a Vannes?
S: Hanno una grande difesa. Ma offensivamente sono anche solidi. Quando entrano nei 22 metri, segnano tantissimo.

P: Vannes è molto a suo agio con le collisioni. Hanno tanti grandi giocatori, il che significa essere molto attivi in ​​difesa.

Qual è la ricetta per vincere la finale di sabato?
J: Dobbiamo giocarcela (la finale)! Prendete energia anche dagli spalti. Allora sarà 50-50. Sarà una sfida, un grande incontro. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *