Éric Roy prima di Brest-Nantes: “La gente di Nantes non verrà con le scarpe da tip tap”



La sala stampa dello Stade Brestois è sempre piena a fine stagione. Mentre il club bretone, terzo, guarda ancora alla Champions League, il suo allenatore Éric Roy ha parlato giovedì dell'arrivo del Nantes sabato (21), del futuro di Steve Mounié (era presente un giornalista beninese), dei trofei UNFP e il fervore che sta montando in città. Contro le Canarie, a parte la squalifica di Julien Le Cardinal, un po' di incertezza circonda la partecipazione di Lilian Brassier e Pierre Lees-Melou, dopo la partita di Rennes domenica scorsa (5-4).

« Il Nantes è una partita complicata…
Tutte le partite sono complicate alla fine della stagione. È ovvio che i nantesi non verranno nel Finistère per ballare il tip tap. Conosco l'allenatore (Antoine Kombouaré), il guerriero Kanak causerà alcuni problemi. E' una squadra con una dinamica incredibile fuori (4 vittorie, 2 pareggi, 1 sconfitta). Questa è una squadra di successo lontana dalle sue basi. Mohamed mi piace molto, Abline, in un ruolo ibrido, ha fatto un buon finale di stagione. Resta una partita difficile. E non ti venderò 5-4 in ogni partita, forse questo si tradurrà in un vecchio 0-0 (sorriso).

“Nonostante tutto, dobbiamo cercare di mantenere una certa moderazione, coltivare una certa umiltà, così raggiungeremo i nostri obiettivi finali. »

Diversi Brestois (Marco Bizot, Pierre Lees-Melou e Eric Roy) sono tra i preselezionati per i trofei UNFP. Chi merita di essere un giocatore, un portiere e un allenatore migliore?
Il miglior giocatore sarà il capocannoniere del campionato (Kylian Mbappe). Direi Bizot e Lees-Melou! Che tu sia un giocatore o un allenatore, vieni eletto dai tuoi compagni, questo è quello che ci piace. Viviamo tutto questo con serenità, è bello aver premiato i giocatori. Non ho votato il mio nome, non ne abbiamo il diritto (sorriso). È sempre motivo di orgoglio essere cooptati dai propri colleghi. È anche motivo di orgoglio per la mia carriera. Se sono qui anch'io è perché i giocatori hanno ottenuto risultati in campo. C'è uno staff, un gruppo.

Steve Mounié scade il suo contratto a giugno…
Ho un'opinione abbastanza chiara, ho detto a Steve un mese o due fa che se fosse dipeso da me, mi piacerebbe tenerlo con noi. Per me è importante, per il gruppo, sarà una sua decisione. Starà a lui fare la scelta giusta. Nella sua situazione, alla sua età (29 anni), il fatto che sia libero, il miglior contratto possibile forse non è necessariamente a Brest. Steve è anche un riferimento importante per noi nello spogliatoio o in campo. Non tradisce mai, quello che emette è sempre sincero. Viva il Benin, viva Steve Mounié!

READ  Il Lille domina il Metz e sale al terzo posto provvisorio in Ligue 1

Si avverte una forma di fervore attorno al club?
È ovvio che quando ho preso il treno per tornare a casa dopo la partita del Rennes (a Parigi, per vedere la figlia), ho incontrato sostenitori che hanno testimoniato cose di grande impatto. C'è tanto amore, rispetto. La testimonianza degli ultras con il tifo, la canzone, è un po' nuova. Non usciamo indenni da questo tipo di testimonianza, da questo segno di riconoscimento, è magnifico. Nonostante tutto, dobbiamo cercare di mantenere una certa moderazione, coltivare una certa umiltà, così raggiungeremo i nostri obiettivi finali. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *