estati senza ghiacci previste a partire dal 2035


Lo scioglimento dei ghiacci accelerato dal riscaldamento globale è un argomento lontano e alquanto astratto. Tuttavia, con un aumento del 65% del tasso di scioglimento in trent’anni, i suoi effetti disastrosi stanno già ponendo numerose minacce al nostro pianeta: l’innalzamento del livello del mare e città a rischio di essere sommersescioglimento del permafrost che rilascia CO2, metano e batteri nell’atmosfera, risorse di acqua dolce in pericolo, correnti oceaniche interrotte, ecc. E la situazione non fa altro che peggiorare. L’Artico, casa dell’orso polare al Polo Nord, è attualmente colpito duramente e potrebbe sperimentare cambiamenti spaventosi entro il prossimo decennio.

Dall’Artico bianco all’Artico blu

In inverno, il ghiaccio marino artico estende la sua presa su tutto l’oceano e sui mari vicini, per poi ridursi naturalmente in primavera. Tuttavia, si stima la perdita di ghiaccio in questa regione al 13% ogni decennio a causa del riscaldamento globale. Per questo motivo, il ghiaccio si espande meno durante la stagione fredda e diminuisce più rapidamente quando ritorna il clima più caldo con una stagione di scioglimento sempre più prematura.

La situazione è tale che tra il 2007 e il 2020 abbiamo osservato livelli di ghiaccio più bassi in 42 anni di registrazioni satellitari. Con un riscaldamento due volte più veloce rispetto al resto del mondo in quest’area, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) stima che potrebbe anche quasi scompariranno alla fine dell’estate dal 2050. Tuttavia, a studio pubblicato il 5 marzo sulla rivista Recensioni sulla natura: Terra e ambiente ritiene che tali previsioni potrebbero effettivamente essere ben al di sotto della realtà.

Uno studio dai risultati preoccupanti

In questi lavori in cui si afferma che “ Le perdite di ghiaccio osservate nell’Artico sono sentinelle del cambiamento climatico di origine antropica (causato o generato dall’uomo ndr), le stime mostrano che potrebbe finalmente verificarsi il primo giorno senza ghiaccio sulla superficie delle acque dell'Artico dieci anni prima del previsto. L’habitat bianco di orsi polari, foche e trichechi potrebbe così diventare blu e avere estati senza ghiacci entro il prossimo decennio, in particolare a causa delle emissioni legate alla combustione di combustibili fossili. Durante i mesi caldi, i calcoli mostrano che rimarrà effettivamente meno di un milione di chilometri quadrati di ghiacciolasciando che l'acqua principalmente sciolta si estenda a perdita d'occhio.

READ  come è stata sviluppata la scala Scoville?
Previsioni sullo scioglimento dei ghiacci artici
Qui vediamo la concentrazione e la superficie totale del ghiaccio marino (qui indicato come SIA) nel corso degli anni. (A) mostra dati tipici degli anni ’80 con 5,5 milioni di km2 di ghiaccio, (B) per il periodo 2015-2023 con 3,3 milioni di km2 e (C) proiezioni con un Artico privo di ghiacci con meno di 1 milione di km2. Crediti: Alexandra Jahn, Marika M. Holland e Jennifer E. Kay/Nature Reviews Terra e ambiente, 2024

Le nostre emissioni potrebbero modellare il volto dell’Artico di domani

Alexandra Jahn (professore associato di scienze dell'atmosfera e dell'oceano presso l'Istituto di ricerca artica e alpina dell'Università di Boulder-Colorado), Marika M. Holland (rinomata scienziata presso il Centro nazionale per la ricerca atmosferica) e Jennifer E. Kay (professore associato professore all'Università di Boulder-Colorado), i tre autori di questa ricerca, possiamo aspettarci osservare settembre senza ghiacci dal 2035 al 2067.

Tuttavia, secondo i ricercatori, dipenderà principalmente dalle emissioni di gas serra. Se seguissimo uno scenario con emissioni ridotte, l’Artico potrebbe essere libero dai ghiacci solo a fine estate e inizio autunno, da agosto a ottobre. Se le emissioni di gas rimanessero elevate, avremmo comunque potuto farlo fino a nove mesi senza ghiaccio entro la fine del secolo. « Ciò trasformerebbe l’Artico in un ambiente completamente diverso, passando da un Artico bianco in estate a un Artico blu » allerta Alexandra Jahn. « Sebbene la perdita di ghiaccio sia inevitabile, dobbiamo mantenere le nostre emissioni il più basse possibile per evitare una prolungata assenza di ghiaccio. ».

Estati senza ghiaccio: lo studio resta ottimista

Iceberg nell'Oceano Artico che scioglie i ghiacci della Groenlandia
Crediti: Hayriye Tellioğlu/iStock

Come spiega Alexandra Jahn: “ A differenza della calotta glaciale della Groenlandia, che ha impiegato migliaia di anni per formarsi, anche se sciogliessimo tutto il ghiaccio marino artico, se riuscissimo a trovare un modo per rimuovere la CO2 dall’atmosfera in futuro per invertire il riscaldamento, il ghiaccio marino tornerà entro dieci anni ».

Dobbiamo però agire rapidamente, perché la fauna artica che dipende da queste distese ghiacciate non è l’unica che potrebbe soffrire dello scioglimento dei ghiacci. In qualità di moderatore del clima, l’Artico promuove la corretta circolazione delle correnti oceaniche e aiuta a spostare le acque calde e fredde in tutto il mondo. Tuttavia, interrompere queste correnti marine potrebbe avere un effetto negativo effetto sulla distribuzione del calore tra i poli e l’equatore, e quindi sulla regolazione del clima su scala planetaria. Questo potrebbe in particolare promuovere eventi climatici estremi.

READ  La Cina è sulla buona strada per lo sbarco dell’uomo sulla Luna entro il 2030

Inoltre, la scomparsa di neve e ghiaccio fa parte di un ciclo di feedback climatico. Il ghiaccio, infatti, è bianco e riflettente, impedendo così l'assorbimento di parte della luce solare incidente. La perdita di ghiaccio sarà quindi aggravare il riscaldamento globale e, come in un circolo vizioso, anche lo scioglimento dei ghiacci avviene. Nuove specie invasive potrebbero anche trarre vantaggio dal riscaldamento delle acque per invadere l’Oceano Artico conseguenze imprevedibili sui già fragili ecosistemi locali.

Infine, il ritiro dei ghiacci potrebbe avere ripercussioni anche sui residenti vicini alla regione artica, poiché attenuano l’impatto delle onde sulla costa. Senza questo ghiaccio marino, Onde sempre più alte potrebbero colpire la terra e accelerare l’erosione costiera.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *