Euro 2024: come sostituire Adrien Rabiot per Portogallo-Francia?



La vita senza Adrien Rabiot è già una realtà per i Blues dall’inizio della preparazione agli Europei, perché il centrocampista della Juventus Torino aveva saltato le due amichevoli contro Lussemburgo (3-0, 5 giugno) e Canada (0-0, giugno 9). Rallentato dall’affaticamento muscolare e infortunato a un polpaccio, non è riuscito a iniziare la gara in condizioni ottimali e ha dovuto cedere il suo posto al 71′ contro l’Austria (1-0).

Affermatosi sulla sinistra del 4-4-2 asimmetrico contro l’Olanda (0-0), è poi tornato al ruolo di staffetta ma la perderà ai quarti: in balia di una squalifica, è stato ammonito Lunedì dopo il contatto con Jérémy Doku (24°) e lui può dare la colpa a Glenn Nyberg, perché la colpa era tutt’altro che evidente. “Sono disgustato di essere sospeso, lui sospiro. L’arbitro è stato molto duro, ha avuto un piccolo momento di assenza, è così. Ma i ragazzi faranno il loro lavoro, c’è gente in panchina. »

Griezmann o Camavinga un palo

Per sostituirlo senza intaccare il 4-3-3, la risposta può arrivare anche da un altro titolare perché Antoine Griezmann, schierato lunedì a destra dell’attacco, ha l’opportunità di riconquistare il ruolo di tedoforo del Mondiale 2022, che ha occupato contro l’Austria (1-0). Se il madrileno continua ad evolversi sempre più in alto, Didier Deschamps dovrà rivolgersi ad un altro ambiente ed Eduardo Camavinga è quello che ha più tempo di gioco uscendo dalla panchina (19 minuti contro l’Austria, 29 contro la Polonia).

READ  Speranze di Bourg-en Bresse nel mirino della denuncia per stupro

Presente solo da dieci minuti, Youssouf Fofana sembra partire da più lontano, soprattutto perché Deschamps può anche optare per un doppio perno con Aurélien Tchouaméni e N’Golo Kanté, dietro una linea di tre trequartisti dove Griezmann potrebbe ritrovare la concentrazione. Le possibilità sono aperte ma una cosa è certa: bisognerà stare ancora attenti ai cartellini gialli perché vengono annullati solo alla fine dei quarti, e Griezmann, Tchouaméni, Ousmane Dembélé e Kylian Mbappé sono ancora in pericolo.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *