“Felice per lui”: l’emozione dei compagni di Romain Bardet, prima Maglia Gialla del Tour



Un’ora buona dopo gli abbracci al traguardo e le lacrime trattenute di Warren Barguil, commosso dal successo del suo connazionale, John Degenkolb è arrivato all’hotel del team DSM-Firmenich Post NL a torso nudo e non meno turbato dalla maglia gialla di Romain Bardet . Cadendo tra le braccia di un conoscente, con il volto ancora segnato dal caldo e dalla stanchezza, sbottò:  » È incredibile. Sono così felice per lui, è come un sogno, per il suo ultimo anno! »

Lo scalatore dell’Alvernia è una figura rispettata. Il modo in cui ha vinto la prima tappa del suo ultimo Tour ha fatto piacere a molti. Mentre i suoi meccanici festeggiavano l’evento davanti a una birra, un’auto della Decathlon-AG2R La Mondiale, l’ex formazione della nuova Maglia Gialla, suonava il clacson sulla strada. I suoi passeggeri hanno dato il pollice in su a Matthew Winston.

La rottura

Il direttore sportivo si era appena ripreso da quella giornata quando tutto è andato storto per la sua squadra, ciclisti esclusi. La fine del viaggio di Bardet e Frank Van den Broek, nella periferia di Rimini, da lui seguiti alla cieca dalla sua auto, privati ​​delle trasmissioni televisive a causa di un tablet difettoso e costretti ad affidarsi esclusivamente alle indicazioni di Radio Tour. Dopo l’arrivo, la squadra non aveva un allenatore per permettere ai corridori di cambiare, arrivare presentabili e avere a disposizione tutto il consueto arsenale di recupero. Il loro si è rotto tra Firenze e la costa adriatica.

READ  EA Sports FC 24: cinque parigini, tra cui Mbappé e Dembélé, nella squadra della stagione della Ligue 1

Le truppe sono quindi tornate in ordine sparso a Riccione, una decina di chilometri più a sud, con i pullman in bicicletta per fare spazio ai corridori nelle auto. Quando Bardet salì i gradini dell’androne con indosso la preziosa casacca, molto dopo i suoi compagni, non si aspettava il minimo tifoso che osasse interrompere la conversazione telefonica con il papà.

Non c’era nemmeno il rischio di essere bombardati dalle richieste dei pochi avventori seduti al bar, difficilmente entusiasti dell’eroe di giornata francese a pochi minuti dall’eliminazione dell’Italia agli ottavi degli Europei. contro la Svizzera (0-2).

“Sono giorni meravigliosi come questo, ha esultato Christian Guiberteau, direttore sportivo francese della squadra, quando gli attaccanti vengono premiati dopo una fase così impegnativa. » Perché la giornata si è conclusa davvero bene: alle 22, l’allenatore nero della squadra, riparato, ha parcheggiato nel parcheggio dell’hotel. Giusto in tempo perché tutto il gruppo possa finalmente condividere un bicchiere di champagne davanti agli schermi che ritrasmettono l’exploit casalingo.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *