Fidatevi dei robot o degli adulti? Per i bambini la scelta è presto fatta


Stufi dei film Terminator e di altri monumenti distopici della cultura, molti adulti sono cresciuti con un rapporto complesso con la tecnologia, a volte incuriositi da questa frenetica spinta verso il progresso che essa incarna e talvolta diffidenti nei confronti dei rischi che potrebbe comportare. Tra le generazioni più giovani si stanno facendo progressi i progressi tecnologici, come schermi e robot parte della loro vita quotidiana fin dalla più tenera età. Inoltre, i loro rapporti con queste macchine possono essere molto diversi. Per la scienza, lo studio delle interazioni tra i bambini e di tutte queste scoperte innovative (e soprattutto il modo in cui queste ultime possono influenzare il loro sviluppo e il loro apprendimento) è quindi un campo di studio entusiasmante che può rivelare alcune sorprese.

Uno studio scritto da ricercatori con sede in Svezia, Germania e Australia, e che sarà pubblicato nell’agosto 2024 sul numero di agosto della rivista scientifica Computers in Human Behavior, dimostra, ad esempio, che quando devono scegliere tra affidarsi a esseri umani di fiducia o robot in termini di conoscenza, è verso questi ultimi che tendono a rivolgersi. Tuttavia, ciò potrebbe cambiare tutto il modo in cui li educhiamo e conduciamo il loro apprendimento.

Un esperimento che ha messo l’uno contro l’altro robot e umani

La raccolta di informazioni e il discernimento sono due pilastri dello sviluppo cognitivo. Per questo lavoro, i ricercatori hanno quindi mirato a verificare come i bambini percepiscono le informazioni provenienti da diverse fonti e quale credito hanno portato loro. Inoltre,  » L'apprendimento dei bambini si basa apparentemente non solo sull'accuratezza delle informazioni che ricevono, ma anche sui segnali sociali che circondano la loro trasmissione », precisano i ricercatori. Per analizzare tutto questo in relazione all'esposizione ai robot, hanno potuto contare un panel di 111 bambini dai 3 ai 6 anni.

READ  A cosa servivano questi strumenti risalenti a 400.000 anni fa scoperti in Israele?
robot e tecnologia robotica per bambini
Crediti: Wildpixel/iStock

In gruppi, i bambini dovevano guardare video in cui dovevano farlo agenti umani o robot identificare oggetti conosciuti o sconosciuti in modo più o meno accurato. Ad esempio, un pennello potrebbe essere chiamato piatto. A volte i bambini vedevano una coppia composta da un essere umano affidabile e un robot (che designava correttamente gli oggetti), un'altra composta da un robot affidabile e un essere umano inaffidabile o, al contrario, un robot inaffidabile con un essere umano che lo era. Ciò dovrebbe consentire ai ricercatori di farlo confrontare le reazioni dei bambini agli agenti che erano o non erano affidabili.

La sincerità degli adulti messa in discussione

I risultati generalmente mostrano a chiara tendenza invece a fidarsi dei robot. Quando entrambi gli interlocutori erano affidabili, i bambini erano infatti più propensi a porre domande ai robot e ad accettare le loro domande come vere. Anche se la differenza in questo caso specifico era meno visibile nei bambini più grandi, più fiduciosi nei confronti dell’uomo, questa tendenza era vera anche quando il robot dava risposte sbagliate a differenza dell'umano.

Un altro punto ha particolarmente sorpreso gli scienziati. I più piccoli sembravano più indulgente e flessibile con i bot che hanno commesso errori. In effetti consideravano questi errori puramente accidentale. Tuttavia, nel caso degli adulti, i bambini consideravano queste stranezze intenzionali. “ Questi risultati suggeriscono non solo che i bambini percepiscono gli errori dei robot e degli esseri umani in modo diverso, ma anche che quando si tratta di valutare gli errori dei robot, il modo in cui concettualizzano la loro affidabilità, attrattiva sociale e potere nell’azione percepita erano concettualmente distinti e quindi avevano NO non necessariamente un impatto negativo sull'interazione », stimano i ricercatori.

Inoltre, quando i ricercatori hanno chiesto loro da chi avrebbero voluto imparare e con chi avrebbero preferito condividere i segreti, la maggior parte dei bambini ha optato per i robot piuttosto che per gli adulti.

READ  Il luogo di sepoltura di Platone rivelato grazie all'intelligenza artificiale
robot e tecnologia robotica per bambini
Crediti: Zinkevych/iStock

Come crescere bene a contatto con i robot: un concetto da esplorare

Per loro stessa ammissione, gli scienziati non escludono la possibilità che questo studio contenga errori significativi. In effetti, era qui solo interazioni con uno schermo e un video, abbastanza lontani da quelli che possono avvenire nel mondo reale. Inoltre, questa volta sono coinvolte altre ricerche scambi dal vivo sarà quindi necessario riflettere più fedelmente la realtà e trarre conclusioni più solide sul fenomeno della fiducia riposta nella fonte informativa.

Le conclusioni da trarre potrebbero in ogni caso influenzano fortemente l’educazione ricevuta dai bambini, esposti agli strumenti tecnologici sempre prima, sia in classe che nella vita quotidiana a casa. Potrebbe infatti essere importante per gli attori al centro di questo apprendimento determinare se sia migliore attendere prima di utilizzare la tecnologia nello sviluppo dei bambini preservarli o, se potesse, al contrario, usato saggiamenterivelarsi fondamentali per il loro sviluppo fin dalla tenera età. Considerata la propensione dei bambini piccoli a credere ciecamente alle informazioni fornite dai robot nell’ambito dello studio, è comunque provata l’importanza di addestrarli a dare uno sguardo critico a queste macchine, che a volte sono fallibili.

Infine, oltre a queste incertezze sull’esposizione alla tecnologia tra i più giovani, “ la questione di cosa lo renda preferibile nel robot rimane aperta », concludono i ricercatori.

Puoi consultare lo studio ecco.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *