Finale Danielle Collins-Madison Keys a Strasburgo


Danielle Collins continua la sua folle stagione. Dopo aver annunciato che sarebbe stato l'anno 2024 il suo ultimo sul circuito, a causa dei dolori causati dall'endometriosi – malattia infiammatoria cronica legata ai cicli mestruali -, la 30enne americana ha battuto in due set (7-6(3), 6-2) l'ucraina Anhelina Kalinina, in semifinale del WTA 500 a Strasburgo, questo venerdì. Che gli permette di raggiungere la finale del torneo alsaziano, la terza in questa stagione dopo quelle vinte a Miami e Charleston.

Affronterà la connazionale Madison Keys, vincitrice della russa Liudmila Samsonova. Da notare che la sua avversaria in semifinale, Kalinina, si era qualificata in semifinale, a scapito della sesta al mondo Marketa Vondrousova… la stessa mattina, a causa della pioggia che aveva interrotto la partita.

Resta il fatto che questa qualificazione alla finale costituisce una nuova prestazione per Collins che sembra essere nella forma migliore dopo l'annuncio del suo imminente ritiro dallo sport. Prima di quest’anno aveva raggiunto solo tre finali, per due vittorie (WTA 250 a Palermo e WTA 500 a San José nel 2021) e una sconfitta (Australian Open 2022). Questa nuova finale migliorerà ulteriormente la sua classifica WTA nel prossimo aggiornamento: 69esima al mondo a gennaio, l'americana è ora al 12esimo posto e dovrebbe entrare nella top 10 lunedì, non lontano dal 7esimo posto che aveva raggiunto al meglio, nel 2022.

READ  La 6 Ore di Spa è stata prolungata dopo la bandiera rossa

Chiavi qualificate in tre fasi

Non ancora titolata nel 2024, la Keys si è qualificata per la sua prima finale quest'anno dopo aver eliminato la Samsonova in due set (6-1, 6-3) e 1h18. Se questa partita sembra di durata piuttosto classica, doveva comunque svolgersi in tre turni. La colpa è del ripetuto maltempo che ha costretto i giocatori a rientrare negli spogliatoi per ben due volte.

Queste due interruzioni sono avvenute una per un temporale, l'altra per la pioggia, ma non hanno impedito alla Keys, ex finalista del Grande Slam (agli US Open nel 2017), di seguire il suo punteggio e di qualificarsi per la finale. Che culmina nella sua grande stagione terrena (semifinale a Madrid, quarti di finale a Roma) pochi giorni prima dell'inizio del Roland-Garros. Al contrario, Samsonova (25 anni) difficilmente è esistita sulla terra alsaziana, accumulando errori non forzati ed essendo molto incoerente.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *