finalmente sappiamo di più su questa affascinante oca gigante del peso di 230 kg


Non senza umorismo, molte persone dicono che l'Australia è un luogo pericoloso dove tutto sembra poterti uccidere, soprattutto gli animali. Tuttavia, la fauna attuale impallidirebbe al confronto la megafauna che regnava su questo grande paese situato in Oceania decine di migliaia di anni fa. Tra queste specie imponenti troviamo in particolare la Genyornis newtoni, un'oca giga preistorica finora relativamente poco conosciuta. Tuttavia, un teschio ben conservato recentemente scoperto nel letto del lago Callabonnam, nell'Australia meridionale, sta aiutando a saperne di più su questa straordinaria specie che si estinse 45.000 anni fa.

Un'oca relativamente poco conosciuta

Fu alla fine del 1800 che i paleontologi lo scoprirono per la prima volta Giorgio Newton. Tuttavia, fino ad oggi, si sapeva molto poco di questi animali, compreso il loro aspetto. Un teschio era stato effettivamente ritrovato nel 1913, ma lo era gravemente danneggiato e deformato, rendendone quindi difficoltoso l'utilizzo. Se fosse necessario illustrare questo uccello, i ricercatori si basavano quindi piuttosto su altre specie di grandi dimensioni anch'esse incapaci di volare e considerate similicome i Dromorni o anche gli emù, in definitiva molto distanti.

Gli scienziati sono stati quindi lieti di scoprire a cranio ben conservato di 32 cm del 2019, in una regione dell'Australia meridionale nota per aver intrappolato numerosi fossili di questo tipo di animali finiti nel fango. Tuttavia, con il vento e l'erosione, gli esemplari fossilizzati vengono lentamente rivelati nel tempo, consentendo reperti affascinanti. Qui questo teschio è stato ulteriormente attaccato allo scheletro quasi completo del corpo di questo uccello. I ricercatori hanno potuto contare anche sui resti di altri cinque Genyornis meno completi per consentire uno studio più esaustivo. Un'ulteriore analisi di questi resti ha poi permesso di scoprire nuovi dati su questo animale che potrebbero pesare fino a 230 kg, cinque volte il peso di un emu, e superare i 2,5 m di altezza.

READ  Secondo gli etologi il cavallo ha 5 cuori
cranio oca gigante Genyornis newtoni
La dottoressa Phoebe McInerney e Jacob Blokland con il teschio appena scoperto. Crediti: Flinders University

In un recente studio pubblicato sulla rivista Historical Biology il 3 giugno 2024, i ricercatori non solo sono stati in grado di rivelare che aspetto aveva realmente questo enorme animale Da 45.000 a 50.000 annima offrono anche un insieme nuova luce sulla sua evoluzione, sul suo modo di vivere, sulla sua alimentazione, sui suoi comportamenti e perfino su ciò che ha portato alla sua scomparsa.

Cosa abbiamo imparato su questo animale gigante?

Grazie al fossile recentemente scoperto, i ricercatori hanno scoperto la vera natura di questo animale. Infatti, come spiega la dottoressa Phoebe McInerney della Flinders University di Adelaide, in Australia: “L’esatta relazione tra Genyornis e gli animali acquatici è stata difficile da chiarire. Abbiamo iniziato a mettere insieme i pezzi del puzzle con questo nuovo teschio che dimostra, in parole povere, che questa specie è un'oca gigante. » Il team è stato così in grado di collegare ufficialmente questo animale al gruppo dei dromornitidi, creando così un collegamento diretto con le anatre, i cigni e ovviamente anche le oche moderne, mentre in passato erano più facilmente associati agli struzzi.

Questo studio rivela anche di più sul fisico unico e sulle abitudini alimentari dell'animale. “ Sebbene la sua mascella superiore sia alta e mobile, come quella di un pappagallo, ha la forma di un'oca. Con la sua grande bocca spalancata e la sua potenza masticatoria, Genyornis aveva la capacità di farloschiaccia piante e frutti di bosco con il tuo palato », spiega il ricercatore. Anche il suo enorme cranio era sormontatouna sorta di elmo osseo triangolarepotenzialmente per attrarre partner sessuali.

oca gigante Genyornis newtoni
Vista laterale sinistra di una ricostruzione artistica del cranio di un Genyornis newtoni basata sulla documentazione fossile disponibile. La barra è pari a 50 mm. Crediti: Jacob C. Blokland/Biologia storica, 2024

Adattamenti, ma non sufficienti per sopravvivere

Nonostante il fatto che Genyornis vivesse in regioni aride, il suo cranio rivela che lo era particolarmente adatto alla vita in ambiente acquatico, in particolare con adattamenti che hanno permesso di evitare che le sue orecchie o la sua gola si riempissero di liquido quando metteva la testa sott'acqua. Inoltre, i ricercatori pensano che questo animale debba sicuramente già averlo lottando per la sopravvivenza ancor prima che gli umani arrivassero in Australia.

READ  È una delle molecole spaziali più grandi mai osservate

Entro 60.000 anni fa, il cambiamento climatico aveva reso i luoghi umidi come il lago Callabonna molto più aridi, un fenomeno che continuò poi per 12.000 anni finché questi luoghi divennero completamente privi di acqua. E anche se le gambe mostrassero adattamenti a questo clima che cambia, ciò non accadrebbe non sufficienti a garantire la sopravvivenza della specie di fronte al notevole stress ambientale dell’epoca.

E naturalmente, con l'arrivo dell'uomo in Australia, appassionato di uova di questa specie, la sopravvivenza di Genyornis divenne ancora più incerta. Questi due fattori messi insieme hanno portato questo animale all’estinzione, portandolo di tanto in tanto alla sua perdita. lignaggio che tuttavia aveva camminato sulla Terra per decine di milioni di anni. Le ricerche future potrebbero tuttavia offrire un'analisi più dettagliata dei fenomeni avvenuti al momento della scomparsa di questa oca gigante e rivelare più in dettaglio la sua relazione con gli animali attuali.

Puoi consultare lo studio ecco.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *