Fine del percorso per Rafael Nadal, battuto da Jiri Lehecka agli ottavi di finale a Madrid



Rafael Nadal forse non giocherà mai più una partita da professionista in Spagna, ma se l'ultima è stata quella di martedì sera, a Madrid, persa agli ottavi contro il ceco Jiri Lehecka, 31esimo giocatore del mondo (7-5, 6 – 4), nulla dice che non gli sia stato di grande aiuto nel suo processo di potenziamento in vista del Roland-Garros e delle Olimpiadi di Parigi.

Il giorno dopo le 3h04 di cui aveva bisogno sbarazzarsi dell'argentino Pedro Cachin Al termine di una partita di media qualità, la prima domanda riguardava la capacità di recupero del quasi 38enne spagnolo. Ma quando è entrato al Central de la Caja Magica, poco prima delle 22, mentre il suo Real Madrid era in vantaggio per 1-0 nell'intervallo della semifinale di Champions League a Monaco, anche se la sua espressione sembrava tesa, Nadal lo ha subito dimostrato non era arrugginito.

Due punti dal primo set

È stato proprio lui che, dietro una prima palla di servizio ancora un po' migliorata rispetto ai giorni prima, è sembrato il più forte nei primi tre quarti d'ora di gioco, con tra l'altro più corse investite, buone risposte rovesci arrotondati e alcuni buoni dritti lunghi. Se Lehecka non è mai arrivato a 40 al ritorno fino al 5-5, Nadal ha creato due buone occasioni. Prima sul 4-3 per lui, quando un doppio fallo del ceco gli regala il break. Lehecka lo ha spazzato via con un dritto vincente sicuro e non incrociato. Poi sul 5-4, quando rimonta dal 40-0 al 40A per ritrovarsi a due punti dal set.

READ  La vincitrice delle prove, Mihimana Braye si unisce al Tahiti Pro

Solo che Lehecka poi è andato “in zona” e ha vinto improvvisamente gli ultimi dieci punti del set. Naturalmente, Nadal ha commesso due errori (uno sul rovescio e uno al volo) nell'undicesimo game, che gli sono costati il ​​break, ma il ceco ha anche segnato dei punti magnifici, basati su volée sottili o servizi sconvolgenti. Dopo 57 minuti, Nadal era sotto di un set a zero e, a quel punto, non aveva più niente da fare 2-2 riportato dal Bayern dal Real.

Intensità fino alla fine

Mantenendo il suo slancio e sviluppando brillantemente la propria tecnica, Lehecka ha ceduto all'inizio del secondo round. Il livello della partita è poi salito di qualche livello, Nadal ha resistito a parare tre palloni da un doppio break di 3-0 e tornare sul 2-1 dopo una partita di quattordici minuti! Per il resto è rimasta molto buona in termini di intensità ma lo spagnolo non è mai riuscito a rappresentare una seria minaccia per la squadra avversaria.

Ancora Roma da progredire

Manca ancora un torneo a Maiorca, il Masters 1000 di Roma (6-19 maggio), per continuare ad aumentare il livello di gioco e di fiducia per avvicinarsi al Roland-Garros (26 maggio – 9 giugno) in una posizione di miracolo cacciatore che gli farebbe molto piacere. La strada è breve e lunga, ma le lezioni madrilene degli ultimi giorni senza dubbio vanno già oltre ciò che sperava al suo arrivo.

Per quanto riguarda Lehecka, mercoledì lo attende una giornata no, prima di lanciare un attacco a Daniil Medvedev giovedì per provare a raggiungere la sua prima semifinale in un Masters 1000.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *