Fine di carriera complicata per Andrés Iniesta, retrocesso con il suo club degli Emirati



La sconfitta di sabato sul prato dell'Al Bataeh (2-3) ha spedito l'Emirates Club nella fascia inferiore, la Seconda Divisione del Campionato degli Emirati Arabi Uniti. A 40 anni, il centrocampista spagnolo Andrés Iniesta, chi gioca in questa squadra dall'agosto 2023 e la sua partenza dal Vissel Kobe (Giappone), e quindi ha vissuto un'emozione calcistica completamente nuova dopo quasi 23 anni di carriera professionistica: la sua prima retrocessione.

L'ex giocatore del Barça ha giocato 23 partite in questa stagione con i colori dell'Emirates Club, in tutte le competizioni, talvolta con la fascia da capitano, realizzando cinque gol e un assist. Ma non era abbastanza. Il club emiratino ha subito 16 sconfitte in 25 partite, e ha concluso al tredicesimo posto in classifica (su 14), sinonimo di retrocessione. La colpa, in particolare, è dei continui cambi di allenatore, visto che in questa stagione in panchina si sono susseguiti 5 allenatori.

La leggenda spagnola, che al suo arrivo puntava a far crescere il club, potrebbe aver intrapreso una missione impossibile. “ Ho adorato il progetto che mi è stato inviato e vorrei contribuire, come ho già fatto in Giappone, con la mia esperienza e le mie conoscenze per far crescere Emirates Club FC e aiutare lo sviluppo del calcio in questo territorio », Ha dichiarato Iniesta durante la sua presentazione in Lega Pro.

READ  Lo spettacolo e la performance, Gianmarco “Gimbo” Tamberi elettrizza il pubblico romano

Un futuro in sospeso

Una battuta d'arresto inaspettata nella sua carriera ma l'immenso record di Iniesta rimane ovviamente invariato. Lo spagnolo, nonostante un finale di carriera decisamente meno fortunato, rimane un grande campione del mondo del calcio con una Coppa del Mondo, due Campionati Europei, nove Campionati spagnoli e persino quattro Champions League. Da notare inoltre che dopo aver lasciato l'FC Barcelona nel 2019, Andrés Iniesta ha comunque ottenuto tre trofei con il suo ex club giapponese, il Vissel Kobe: un titolo della J-League Division (2023), la Coppa dell'Imperatore (2019) e la Supercoppa giapponese (2020).

Per quanto riguarda il suo futuro, Andrés Iniesta potrebbe già avere un'offerta da allenatore anche se non ha ancora appeso le scarpe al chiodo. Lo scorso aprile, il presidente del suo club degli Emirati, Youssef Al-Batran, aveva già anticipato il potenziale futuro della sua stella spagnola in caso di discesa del club degli Emirati in Seconda Divisione. “ Se retrocediamo non accetterò un giocatore del suo valore in D2. Gli chiederò di allenare la squadra « , ha detto Al-Batran in un'intervista ad AlQahera News. Un modo, forse, per lanciare la nuova carriera sulla panchina del centrocampo spagnolo, come ha saputo fare Xavi all'Al-Sadd, in Qatar.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *