Frutto di 250 anni scoperto nella cantina di George Washington


Le mura di Mount Vernon, la dimora storica di George Washington, racchiudono una moltitudine di segreti, alcuni dei quali sono appena svelati. Durante il progetto di rivitalizzazione di questo sito emblematico, gli archeologi hanno infatti portato alla luce sotto il suo pavimento quasi trenta bottiglie di vetro risalenti al XVIII secolo che contengono frutti perfettamente conservati. Questo tesoro raro e prezioso offre uno sguardo unico sulla vita dell’epoca.

Una scoperta eccezionale

Monte Vernon è una famosa piantagione storica situata in Virginia, negli Stati Uniti, lungo il fiume Potomac. È conosciuta principalmente per essere stata la residenza principale di George Washingtonil primo presidente di STATI UNITI e uno dei padri fondatori del paese. Si dice che l’uomo abbia ereditato la proprietà nel 1754 dove visse con la sua famiglia fino alla sua morte nel 1799.

Mount Vernon divenne successivamente un importante sito storico, preservato e mantenuto dal Associazione femminile di Mount Vernon dal 1858. Ora è un museo in cui i visitatori possono conoscere la vita e l’eredità di George Washington, nonché aspetti della vita quotidiana in una grande piantagione nell’America del diciottesimo secolo. Il sito comprende la residenza principale dell’ex presidente, oltre a giardini, una distilleria ricreata, fienili e altri edifici storici.

Nel maggio di quest’anno, durante i lavori di restauro, due bottiglie contenenti frutti e noccioli furono rinvenuti intatti nella cantina della residenza. Da allora sono state riesumate una trentina di altre bottiglie, la maggior parte delle quali con il loro contenuto ancora conservato oltre 250 anni.

READ  questa start-up si ispira alle piste di pattinaggio per ripristinare il lastrone di ghiaccio

In collaborazione con il Servizio di ricerca agricola del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, gli archeologi di Mount Vernon intrapreso un’attenta analisi delle bottiglie e del loro contenuto. I risultati finora hanno rivelato 54 noccioli di ciliegia, 23 gambi e polpa. Sono in corso le ricerche del DNA per identificare con precisione le specie di frutti presenti, anche se la germinazione dei noccioli è compromessa dalla loro lunga permanenza immersa nell’acqua.

frutti George Washington
Crediti: Associazione femminile di Mount Vernon

Una testimonianza delle abilità degli schiavi e della storia culinaria

Oltre al loro valore scientifico, queste bottiglie offrono preziosi panoramica delle pratiche e delle abilità alimentari persone che vivevano a Mount Vernon nel XVIII secolo. Secondo i ricercatori, è probabile che gli schiavi, responsabili della raccolta e della preparazione dei frutti, abbiano avuto un ruolo cruciale in questa conservazione.

Gli archeologi hanno infatti osservato dettagli microscopici rivelatori durante l’analisi delle bottiglie. Le ciliegie in particolare venivano raccolte con cura, lasciando il picciolo attaccato al frutto. Questa pratica attenta indica a conoscenza approfondita delle tecniche di conservazione dell’epoca. Lasciare i gambi attaccati alle ciliegie ha permesso di prolungare la conservabilità dei frutti mantenendone freschezza e integrità.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *