Gaël Monfils, battuto da Daniil Medvedev al Masters 1000 di Monte-Carlo: “Gli farò il solletico tra quattro settimane? »



“Qual è il tuo sentimento dopo questa sconfitta (6-2, 6-4 contro Daniil Medvedev) ?
Daniil mi ha battuto tranquillamente. Mi ha giocato bene tatticamente, è riuscito a impormi quello che voleva fare. E non l'ho giocata bene tatticamente, ho provato a cambiare alcune cose, senza riuscire a cambiare la situazione. Ha funzionato bene per me…

Hai percepito il tocco di Gilles Simon nei consigli che avrebbe potuto dare a Medvedev? E vedi Daniil come un ottimo giocatore sulla terra battuta?
Non so quanto lo abbia aiutato, ma ho sentito che Daniil ha giocato meglio di me. Non ha fatto molti errori. Successivamente, la tua domanda è strana. Il ragazzo ha vinto un Masters 1000 su sterrato (Roma), non me. Vuol dire che sono un cattivo giocatore sulla terra battuta o altro (Lui sorride) ? Ha fatto i quarti di finale al Roland… Forse si sente meno bene sulla terra, ma non per questo rende meno bene. Ciò che ha fatto mi andrebbe comunque bene.

Raccontaci del tuo tiro al volo di sinistro…
Che fortuna! In previsione, ho lasciato andare la racchetta. Fortuna totale!

Alla tua età (37 anni), è più difficile tornare in campo il giorno dopo una lunga partita?
È un po' più difficile, questo è certo. Ma oggi ero felice (Mercoledì) di come sono arrivato fisicamente. E' un dato positivo, perché sono in un periodo in cui sono stanco, con una partita importante ieri (martedì), e sono entrato subito in partita con molti scambi e mi sono sentito bene. Sono riuscito a fare bene. Devi vedere il positivo. È bello. Ciò fa ben sperare per il futuro. Uno degli obiettivi è tornare tra le teste di serie dello Slam (tra i 32 migliori è praticamente 37°), perché è meglio! Ma la cosa più importante è acquisire fiducia. Oggi ho giocato 4° al mondo. Non gli faccio ancora il solletico, ma lo farò tra quattro settimane?

READ  Nouveautés : Balle Wilson Staff Model / Staff Model X

« Ho spinto forte, posso respirare per far bene al Real Madrid »

Dici che sei stanco. Qual è il tuo programma per il futuro?
Ho stanchezza fisica, si vede. Voglio prendermi un po' di tempo con la mia famiglia. Ho spinto forte, posso respirare per essere bravo per il Real Madrid (24 aprile-5 maggio). Se vuoi sapere i miei impegni, torno a casa stasera per essere lì domani (GIOVEDÌ) mattina quando mia figlia si sveglia. Non colpirò la palla fino a questo fine settimana. Faremo un piccolo promemoria fisico, credo.

Uscendo dal campo ti chinasti a toccare l'argilla. Non hai avuto l'impressione che quella fosse l'ultima volta che avresti camminato in questo tribunale?
Spero di no. Sono otto anni che non torno qui. Ho vissuto momenti meravigliosi su questo campo. Le ultime volte ho fatto semifinale e finale. Era solo un piccolo occhiolino, il mio lato spirituale. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *