Gauthier Denis (Paris Basketball): “Non poteva arrivare in un momento migliore”



“Sei l’unico giocatore di basket del Paris presente dall’inizio (2018). Come ti senti alla vigilia della finale di Eurocup a Parigi?
Molto orgoglio. Ripenso agli albori del club; c’è motivo di essere orgogliosi dei progressi che abbiamo fatto. Ripenso agli inizi (l'entrata) Carpentier che non era per niente pieno, alle partite trasferite, a Rueil (Hauts-de-Seine) e in altri posti… Quindi, finalmente a suonare in questa famosa Arena (Adidas, Porte de la Chapelle, aperta a febbraio) di cui si parla da anni, tutto esaurito, una finale di Eurocup è eccezionale.

Finora hai giocato cinque partite lì. Rivela qualcosa di speciale?
Non è ancora ottimizzato al massimo ma è qui, ci stiamo orientando. È diverso da Carpentier, lo spazio, la vicinanza ai tifosi, l'impianto audio, tutte queste cose che fanno sì che quando entri in campo c'è qualcosa in più.

“Considerando il nostro track record, siamo favoriti”

Ti consideri il favorito per questa finale contro JL Bourg?
Sì, considerando il nostro track record, siamo favoriti. Ma abbiamo giocato contro il Bourg solo una volta, meno delle squadre di Eurocup che abbiamo incontrato. Siamo concentrati principalmente su noi stessi, c'è entusiasmo e ulteriore stress ma affrontiamo questa partita come gli altri.

READ  OM e Benfica chiedono la circolazione dei propri tifosi in Europa League

Qual è la differenza tra la squadra di inizio stagione e quella che resta a 17 vittorie consecutive?
Ognuno conosce davvero il proprio ruolo, noi abbiamo guadagnato costanza nei quaranta minuti, nella sequenza delle partite, abbiamo questo ritmo, il metodo Tuomas (Iisalo, l'allenatore finlandese) necessitava di tempo per essere pienamente sfruttato da tutti. Questo ci permette di essere fiduciosi oggi, siamo consapevoli di quello che siamo capaci di fare ma siamo seri nel nostro approccio.

“L’Eurolega è stato l’obiettivo fin dall’inizio”

Come caratterizzare questo metodo?
È quel requisito mentale. Con l'Eurocup abbiamo pochi allenamenti, quindi è il rigore, l'intensità che richiede ogni volta. Non avevo mai sperimentato una cosa del genere: nell'approccio, nelle richieste, negli allenamenti, nelle partite, non c'è tregua, e non importa se abbiamo vinto entro 30 o perso il giorno prima. Avremo lo stesso approccio, qualunque sia l’avversario.

Cosa rappresenta nella posta in gioco di questa finale il biglietto dell'Eurolega promesso al vincitore?
Sappiamo fin dall'inizio che questo è l'obiettivo. Dopo la nascita del club, una delle prime interviste a David Kahn (il comproprietario e presidente degli Stati Uniti del Paris Basketball) era quello di vincere l'Eurolega, quindi sì, questa è parte della motivazione. Ma non c’è necessariamente bisogno di avere questo elemento aggiuntivo, basta una finale di Eurocup.

READ  Zacharie Risacher entra ufficialmente nel Draft NBA 2024

Qual è la tua opinione sulla stagione e sul gioco di JL Bourg?
Sta facendo un'ottima stagione, ottenendo anche un primo posto nel suo girone, e siamo quasi in parità in Campionato. Abbiamo perso a casa loro. È molto ben costruito, con un mix tra vecchia e nuova generazione che funziona molto bene. Non hanno l'intensità che noi cerchiamo di mettere sempre, ma come sempre sarà la squadra ad imporre il suo stile, a mettere tutte le occasioni dalla sua parte. Non sono lì per caso, sono una squadra molto, molto buona.

Anche questa finale è un incontro importante per creare una storia con il pubblico parigino?
Sì, non poteva arrivare in un momento migliore, con una nuova sala per continuare ad attrarre i parigini, e questa progressione; Ho saputo che la sala sarebbe stata piena, questo dimostra che le cose stanno andando per il verso giusto. Dal 2018 c'è stata un'evoluzione sportiva e anche nel pubblico i parigini amano il basket e vogliono seguire la propria squadra. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *