ghiaccio d'acqua scoperto vicino all'equatore marziano


Una scoperta sorprendente ha appena scosso la nostra visione di Marte. Il congelamento dell’acqua rilevato all’equatore del Pianeta Rosso, una scoperta un tempo impensabile in una regione rinomata per il suo clima ostile, ora apre prospettive affascinanti.

Congelamento dell'acqua all'equatore di Marte

La scoperta della presenza di gel d'acqua all'equatore del Marte rappresenta un importante passo avanti nella nostra comprensione del Pianeta Rosso. Questo fenomeno inaspettato è stato rivelato grazie alla collaborazione tra due missioni spaziali dell'Agenzia spaziale europea (ESA): l'ExoMars Trace Gas Orbiter (TGO) e la missione Mars Express.

In precedenza, gli scienziati ritenevano che tali formazioni di ghiaccio fossero impossibili in questa regione a causa di due fattori chiave: esposizione diretta al Sole e alla sottile atmosfera di Marte. Proprio come la Terra, questo pianeta subisce variazioni stagionali dovute all'inclinazione del suo asse. Tuttavia, anche alle latitudini equatoriali dove il Sole è più diretto, le temperature rimangono relativamente elevate a causa dell’intensità della radiazione solare. Si pensava quindi che l'eventuale acqua presente sulla superficie sarebbe evaporata rapidamente sotto l'effetto di questo intenso calore.

Inoltre, a differenza della Terra, Marte ha un’atmosfera estremamente sottile, composta principalmente da anidride carbonica. Tuttavia, questa atmosfera sottile non trattiene efficacemente il calore, portando a variazioni estreme di temperatura tra il giorno e la notte. Pertanto, anche se l’acqua si accumulasse temporaneamente sulla superficie, sublimerebbe rapidamente a causa delle condizioni atmosferiche.

Questi due fattori combinati hanno quindi portato gli scienziati a credere che si sia verificata la formazione di gel d'acqua all'equatore di Marte improbabile, addirittura impossibile. Tuttavia, la recente scoperta di queste macchie di gelo mette in discussione queste ipotesi e solleva nuove domande sui processi geologici e climatici del Pianeta Rosso.

READ  Gli “incendi zombie”, una conseguenza sorprendente del riscaldamento globale
Gelo dell'acqua di Marte
Olympus Mons, il vulcano più alto non solo di Marte, ma dell'intero Sistema Solare. Crediti: ESA/DLR/FU Berlino

Cosa rivelano queste osservazioni?

Un'attenta analisi dei dati raccolti rivela con maggiore precisione che questi macchie di gelo, sebbene temporanei, coprono un'area significativa su ciascuno dei vulcani osservati nella regione di Tharsis. Questa regione, la più grande regione vulcanica su Marte, ospita dodici enormi vulcanitra cui l'imponente Olympus Mons, il vulcano più alto di Marte e del Sistema Solare.

Le chiazze di gelo che si formano brevemente intorno all'alba prima di evaporare sotto l'intensità dei raggi solari, sono straordinariamente fini. Secondo le stime, il loro spessore sarebbe sottile come un capello umano. Nonostante questa fragilità contengono una notevole quantità di acqua. Infatti l'acqua contenuta in queste piastre di gel potrebbe riempirsi una sessantina di piscine olimpioniche.

Implicazioni per l'esplorazione futura

Questa scoperta inaspettata solleva naturalmente domande affascinanti sui processi geologici e climatici di Marte. Mette inoltre in discussione i nostri modelli climatici esistenti e le nostre previsioni sulla distribuzione dell’acqua sul Pianeta Rosso.

Questa osservazione apre anche nuove prospettive per l’esplorazione spaziale di Marte. In effetti, lo suggerisce le risorse idriche potrebbero essere disponibili anche in regioni dove erano considerati inesistenti. Comprendere questi fenomeni idrologici sarà quindi essenziale per pianificare le future missioni spaziali, siano esse robotiche o con equipaggio.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Geoscienza della natura.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *