Gli astrofisici hanno risolto il mistero del cuore di Plutone


Il mistero che circonda la formazione del cuore del pianeta nano Plutone è chiaro visibile sulle immagini scattate dalla sonda New Horizons, è stato finalmente chiarito da un team internazionale di astrofisici. Questa scoperta è stata possibile grazie a simulazioni numeriche che hanno riprodotto con successo la forma insolita di questa struttura di ghiaccio e ne hanno attribuito l'origine ad un gigantesco, lento impatto con un angolo obliquo.

Un cuore nella cintura di Kuiper

Sputnik Planitia, conosciuta anche come Piana dello Sputnik, è una regione straordinaria situata sulla superficie del pianeta nano Plutone. Identificato per la prima volta nel 2015 dalla missione New Horizons della NASA che ha fornito le prime immagini dettagliate di Plutone e delle sue lune, si distingue per la sua forma a cuore e l'aspetto straordinariamente liscio. È anche notevole più in basso in altitudine rispetto alle aree circostanti la superficie del pianeta nano con una depressione che raggiunge i tre o i quattro chilometri. Infine, è costituito principalmente da ghiaccio di azotoche gli conferisce un aspetto bianco brillante.

L'origine esatta dello Sputnik Planitia è oggetto di dibattito e ha attirato l'interesse e l'attenzione degli astronomi sin dalla sua scoperta. Tuttavia, una teoria importante suggerisce che sia stato il risultato di una collisione catastrofica avvenuta nel lontano passato di Plutone. Secondo questa teoria, un enorme corpo impattante colpì la superficie di Plutone, formando la depressione e lasciando dietro di sé questa forma caratteristica. Anche le simulazioni numeriche hanno supportato questa ipotesi, rivelando che l’impatto è stato obliquo, spiegando così la forma allungata dello Sputnik Planitia.

READ  Per combattere le verruche provate questo rimedio a base di aglio e limone!

Una recente ricerca condotta da un team dell’Università di Berna e dell’Università dell’Arizona a Tucson ha fatto luce su questo.

Un impatto gigantesco

Secondo questa ricerca, Sputnik Planitia sarebbe stato il risultato di una collisione catastrofica tra Plutone e un corpo planetario di notevoli dimensioni, stimate a circa 700 chilometri di diametro. Per metterlo in prospettiva, questo corpo planetario sarebbe circa il doppio della dimensione della Svizzera.

Plutone
Rappresentazione artistica dell'enorme e lento impatto su Plutone che ha portato alla struttura a forma di cuore sulla sua superficie. Crediti: Università di Berna

Uno dei risultati più significativi delle simulazioni numeriche è che l'impatto che ha formato lo Sputnik Planitia è stato obliquo. Si ricorda che durante un urto obliquo il dispositivo di simulazione non colpisce la superficie perpendicolarmente, ma con una certa inclinazione. Ciò significa che l'energia dell'impatto è distribuiti in modo non uniforme sulla superficie del pianeta, creando forze e pressioni diverse a seconda della direzione dell'impatto. Di conseguenza, la deformazione della superficie del pianeta non è uniforme, il che può portare alla formazione di strutture geologiche complesse. Nel caso dello Sputnik Planitia l'impatto obliquo ha portato alla creazione di un depressione prolungata, che ricorda la forma di un cuore se visto dall'alto.

Questa scoperta apre quindi nuove prospettive sulla nostra comprensione dell’origine di Plutone e della formazione dei pianeti nel Sistema Solare esterno. I prossimi passi della ricerca includono ulteriori studi sulla migrazione dello Sputnik Planitia e l'impatto sulla struttura interna di Plutone.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Astronomia della natura.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *