Gli astronomi fanno un'importante scoperta sulla storia della nostra galassia


Gli astronomi che scrutano il cuore della galassia hanno scoperto due strutture gigantesche mai osservate prima. Questi vasti “flussi” di stelle contengono ciascuno la massa di dieci milioni di soli e hanno fino a tredici miliardi di anni. Coprono ampie zone della galassia e potrebbero essere tra i primi elementi costitutivi della nostra Via Lattea.

Una scoperta eccezionale

Gli scienziati del Max Planck Institute for Astronomy (MPIA) hanno chiamato queste due strutture Shiva e Shakti in omaggio alla divina coppia indù la cui unione avrebbe portato armonia nell'universo. Queste nuove correnti stellari sembrano essersi fuse con l' via Lattea tra dodici e tredici miliardi di anni fa, alimentando la crescita della nostra galassia.

« Ciò che è veramente sorprendente è che possiamo rilevare queste antiche strutture« ha detto l'autore principale dello studio, Khyati Malhan, astrofisico del MPIA, in un comunicato. « La Via Lattea è cambiata così tanto da quando sono nate queste stelle che non ci aspetteremmo di riconoscerle così chiaramente come gruppo. »

I ricercatori hanno individuato strutture cosmiche utilizzando telescopio spaziale Gaia dell'Agenzia spaziale europea.

Ricordiamo che dal 2014 questo osservatorio è responsabile della mappatura della forma e della struttura della Via Lattea. Esaminando la velocità, la posizione e il movimento di oltre 1,5 miliardi di stelle nella nostra galassia, le osservazioni di Gaia consentono agli astronomi di stabilire connessioni tra gruppi di stelle che condividono origini simili, contribuendo a ricostruire la storia della Via Lattea.

Antichi architetti della Via Lattea

Si ritiene inoltre che la Via Lattea sia entrata in collisione con almeno diverse galassie vicine. una dozzina di volte negli ultimi dodici miliardi di anni, con ogni fusione che ha incanalato nuove stelle nella nostra galassia in evoluzione. Il telescopio Gaia ha contribuito a rivelare molte di queste collisioni, inclusa la fusione con una galassia nana Gaia-Encelade che la nostra insaziabile Via Lattea avrebbe inghiottito 10 miliardi di anni fa, donando alla nostra galassia il suo centro a cupola.

READ  Come le interazioni della Terra con Marte determinano la circolazione sottomarina

Anche i milioni di stelle che compongono Shiva e Shakti sembrano aver contribuito alla struttura complessiva della nostra galassia, ma non lo sono. situato un po' più lontano dal centro galattico rispetto ai frammenti precedentemente identificati di questa piccola galassia nana.

Con Shakti e Shiva, vediamo effettivamente i primi pezzi che si uniscono attorno a questo cuore per formare il resto del puzzle.

galassia del flusso stellare Shakti Shiva
I punti gialli indicano la posizione delle stelle del flusso Shakti; i punti blu indicano la posizione delle stelle del flusso Shiva. Crediti: ESA/Gaia/DPAC/K. Malhan

L'analisi del team ha mostrato che le stelle di Shakti orbitano più lontano dal centro galattico e in un'orbita più circolare rispetto a quella di Shiva. Tuttavia, entrambe le strutture contengono stelle estremamente povere di metalli, nel senso che mancano degli elementi più pesanti forgiati dalla fusione stellare più avanti nella storia dell'universo. In altre parole, Shiva e Shakti probabilmente contengono alcune delle stelle più antiche della Via Lattearendendo queste nuove correnti uno dei primi elementi costitutivi dell'evoluzione della galassia.

Per comprendere meglio come l’unione di Shiva e Shakti con la Via Lattea abbia contribuito allo stato attuale della nostra galassia, il team continuerà a studiarli attraverso diverse indagini del cielo in corso.

I dettagli dello studio sono pubblicati in Il diario astrofisico.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *