Gli egiziani tentarono di curare il cancro 4.000 anni fa


I ricercatori hanno scoperto che gli antichi egizi tentavano di curare chirurgicamente il cancro più di 4.000 anni fa. Questa rivelazione, proveniente da un nuovo studio, ci offre una visione affascinante dei primi sforzi medici per comprendere e combattere questa malattia devastante.

Una scoperta eccezionale

Fino ad ora, la più antica descrizione conosciuta del cancro risale a circa 1600 di sconto. J.-C.registrato nel Papiro Edwin Smith. Questo testo egiziano è considerato una copia di un'opera risalente a diversi secoli prima. Descrive diversi tumori al seno e osserva che non esiste “nessun trattamento” per loro. Questa menzione storica suggeriva che gli egiziani avessero una conoscenza limitata su come curare il cancro e spesso dovessero rassegnarsi all’inevitabile progressione della malattia. Tuttavia, recenti scoperte mettono in discussione questa visione.

I ricercatori hanno infatti recentemente analizzato a teschio umano della collezione Duckworth dell'Università di Cambridge risalente a 2686-2345 del. J.-C.. Questo ha presentato a tumore primario di grandi dimensioni così come più di 30 lesioni metastatiche più piccole.

Ciò che rende notevole questa scoperta sono i segni di taglio che circondano queste lesioni, probabilmente realizzato utilizzando un oggetto appuntito, come uno strumento metallico. Ciò suggerisce che gli antichi egizi tentato intervento chirurgico per curare il paziente, che si ritiene sia un uomo sulla trentina.

« Quello che abbiamo trovato è la prima prova di un intervento chirurgico direttamente collegato al cancro », ha affermato Edgard Camarós Perez, coautore dello studio e paleopatologo dell'Università di Santiago de Compostela in Spagna. “È qui che inizia la medicina moderna. »

Il team di ricercatori ha studiato anche il cranio di una donna che alla sua morte aveva 50 anni, datato tra il 664 e il 343 a.C. aC, conservato nella stessa collezione. Come l'uomo, presentava una vasta lesione che faceva pensare al cancro. Tuttavia, altre due lesioni sul cranio sarebbero il risultato di lesioni traumatiche, probabilmente causate da un attacco con un'arma affilata. I segni di guarigione di queste ferite mostrano che la medicina egiziana dell’epoca era abbastanza avanzata per curare alcuni traumi, ma non il cancro.

READ  È stata identificata la prima patria dell'Homo Sapiens al di fuori dell'Africa
cancro al cranio negli antichi egizi
Primo piano sui tumori scoperti sul cranio dell'uomo sulla trentina. Su molti di essi sono visibili segni di taglio. Crediti: Tondini, Isidro, Camarós, 2024

Quali sono le implicazioni di questi risultati?

Queste nuove scoperte rivoluzionano la nostra comprensione delle capacità mediche degli antichi egizi. Suggeriscono che il cancro rappresentasse una “frontiera” nelle loro conoscenze mediche, una malattia che non riuscivano a curare in modo efficace.

Naturalmente, senza la storia clinica dei pazienti, i ricercatori non possono costruire un quadro completo del cancro di cui hanno sofferto. Tuttavia, le tracce delle procedure chirurgiche offrono una visione toccante dei loro sforzi.

Questi risultati potrebbero anche cambiare la nostra concezione degli inizi della medicina moderna. Mostrano che gli antichi egizi stavano cercando di comprendere il cancro a livello chirurgico, aprendo la strada a nuove ricerche su come i trattamenti medici si sono evoluti nel corso dei millenni.

Il gruppo di ricerca ora spera di andare ancora oltre per scoprire come gli esseri umani hanno trattato il cancro nel corso della storia.

I dettagli dello studio sono pubblicati sulla rivista Frontiere in Medicina.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *