Gracheva si qualificò agli ottavi di Roma, eliminati Barrère e Rinderknech



Risultati contrastanti per i francesi a Roma questo giovedì mattina. Se Varvara Gracheva ha ampiamente dominato Federica Di Sarra, Grégoire Barrère ha perso. Proprio come Arthur Rinderknech, il cui match è stato interrotto mercoledì dalla pioggia, e che non è riuscito a convalidare il suo biglietto per il secondo turno del Masters 1000 di Roma, perdendo al tie-break del terzo set, nonostante tre palloni da match.

Gracheva senza tremare, Rinderknech era molto vicino

Varvara Gracheva, 88esima nel ranking WTA, ha surclassato l'italiana Federica Di Sarra (530esima al mondo) senza forzare (6-1, 6-3). Imperiale nel primo set, la francese ha perso un solo game di servizio nel secondo set. Per la sua seconda partecipazione al WTA 1000 di Roma, la Gracheva vivrà il secondo turno del torneo italiano contro Maria Sakkari, dopo aver superato le qualificazioni.

Arthur Rinderknech (73esimo) si è visto sfuggire il biglietto per il secondo turno. Vincitore di un primo set combattuto (7-6 (3)), il francese ha tremato nell'atto successivo in fase conclusiva. Mentre era in vantaggio per 5-2, ha subito il ritorno di Francesco Passaro (240esimo) e ha perso l'equilibrio (5-7) nonostante due match point, sul 5-3. Nel terzo set entrambi i giocatori hanno tenuto perfettamente il tiro, non concedendo alcun break e la partita si è quindi conclusa al tie-break. Rinderknech si è procurato ancora un match point (sul 7-6), ma tre punti dopo è stato Passaro a concludere (7-6 (7)). Nel prossimo turno affronterà Tallon Griekspoor.

READ  Nikola Karabatic dopo la sconfitta del PSG contro il Barcellona: “Siamo crollati”

Giovedì mattina ha perso anche Grégoire Barrère, 115esimo al mondo. Gli Habs non hanno potuto resistere al brasiliano Thiago Seyboth Wild (61esimo). Di fronte a un avversario aggressivo nel primo set, il francese si è rotto nei primi tre game di servizio prima di salvare invano un set point nel nono game. Barrère è crollato nel secondo set (6-4, 6-2).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *