Grant Holloway impressiona nei 110 ostacoli in 12 »86, Noah Lyles e Gabby Thomas anche nei 200



La finale dei 110 metri ostacoli è stata, come previsto, di livello eccezionale. Grant Holloway vinse in 12 »86 (2 m/s), la migliore prestazione mondiale e quarto tempo della storia, ma dovette lavorare fino agli ultimi metri per avere la meglio su Freddie Crittenden, che stabilì un nuovo primato personale in 12” 93. Daniel Roberts li accompagnerà a Parigi, grazie al 3° posto in 12 »96, primato personale anche lui. Il povero Cordell Tinch, 4° in 13 »03, può misurare l’incredibile densità della disciplina negli Stati Uniti. Questa è la prima volta che tre uomini scendono sotto i 13 secondi nella stessa gara.

200 m: Noah Lyles e Gabby Thomas mettono il turbo

Noah Lyles ha colpito nuovamente gli animi questo venerdì durante la terza semifinale dei 200 metri. Il tre volte campione del mondo della specialità ha volato nella sua gara, vinta in 19 »60 (2,5 m/s), troppo ventosa per permettergli di rubare la migliore prestazione mondiale dell’anno a Kenny Bednarek (19 »67). Con un’espressione facciale una volta superata la linea e letto il tempo sul tabellone dei punteggi di Hayward Field, Lyles sembrava persino sorpreso dal suo tempo. Ha battuto Christian Coleman (19 »89), che cercherà di conquistare il biglietto per le Olimpiadi in finale dopo essersi classificato 4° nei 100 metri domenica.

Erriyon Knighton ha confermato che anche in queste Prove si dovrà fare i conti con una vittoria tranquilla in semifinale per il floridiano in 19”93 (0.3 m/s) davanti a Kyree King (20”25). Come il giorno prima, non ha parlato alla stampa. Nella seconda semifinale, Kenny “Kung Fu” Bednarek ha vinto tagliando nettamente il suo tiro prima della linea, in 19”96 (0.7 m/s), davanti a Courtney Lindsey (20”05).

READ  Il miracolo permanente del Reims, Petit Thumb qualificato per le semifinali degli spareggi D1 Arkema

Sempre così rilassata prima della gara, Sha’Carri Richardson ha eguagliato il suo record personale (22 »92, 1,8 m/s) che risale ai Mondiali del 2023 vincendo la semifinale dei 200 metri con un ampio vantaggio su Jenna Prandini (22 » 26). Nella seconda semifinale, McKenzie Long (22 »01, 0,6 m/s) ha battuto Britanny Brown (22 »08). Ma è stata la vicecampionessa del mondo e medaglia di bronzo olimpica Gabby Thomas a segnare il miglior tempo di giornata con l’ottimo 21 »78 (1.4 m/s) ad avere la meglio su Abby Steiner (22 »03) nel terzo semifinale, stabilendo la migliore prestazione globale dell’anno. “Non mentirò, mi piacerebbe battere il mio record di distanza qui (21 »60), ha indicato. Penso di potercela fare in finale, adoro correre a Eugene. La pista, l’atmosfera… »

Nessun timore per il vicecampione olimpico dei 400 ostacoli Rai Benjamin, primo in semifinale in 47 »97. Passano anche CJ Allen (48”16) e Trevor Bassitt (49”02).

100 metri ostacoli: Russell e Johnson seguono Samba-Mayela

Alcuni momenti sono stati notevoli durante le batterie dei 100 metri ad ostacoli, anche se senza alcuna sfida. Cyréna Samba-Mayela, detentrice della migliore prestazione mondiale dell’anno in 12 »31 dai tempi della sua medaglia d’oro agli Europei di Roma, avrà sicuramente notato il 12 »35 (0,2 m/s ) di Masai Russell 12′ ’35 (0,2 m/s) prima nella sua gara davanti ad Alaysha Johnson (12 »37), due atlete che seguono la francese nei risultati mondiali. Menzione anche per Tonea Marshall, con 12 »41 (1,7 m/s).

La campionessa del mondo 2019 e vicecampionessa olimpica 2016 Nia Ali è arrivata ultima nella sua serie in 20”38 mentre faceva jogging. Una scelta volontaria per non disperdere energie: a causa delle mancate partenze in altre serie, era certa, come tutte le altre iscritte a questo primo turno, di qualificarsi per le semifinali… a patto di tagliare il traguardo . Passa anche Lolo Jones (41 anni, 4° alle Olimpiadi del 2012), in 14”86.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *