Grégory Lorenzi, direttore sportivo del Brest: “Non sbagliate battaglia”



Il 17 maggio, due giorni prima dell'ultima trasferta dallo Stade Brestois al Tolosa (3-0), che apriva le porte alla Champions League (3° posto), annunciavamo la partenza di Grégory Lorenzi, il suo direttore sportivo, seminando il disordine nella società. Ambiente del Finistère. Un mese dopo, l'allenatore è ancora lì, nonostante l'interesse di diversi club, come Rennes, Lens o Nizza, ma se non vuole tornare a quel periodo, non vuole proiettarsi oltre quest'estate e un finestra di mercato che porterà avanti fino alla fine.

“Sei ancora il direttore sportivo dello Stade Brestois?
Oggi sì.

E lo sarai per tutta la prossima stagione?
Non risponderò a questa domanda.

« Possiamo parlare di mercato, ma personalmente non ho nulla da dire »

A maggio, abbiamo annunciato che te ne saresti andato cosa che il club non ha mai smentito…
Non risponderò a nessuna domanda a riguardo. Possiamo parlare di mercato, ma personalmente non ho nulla da dire.

Hai però un’idea abbastanza precisa dell’importo che riceverai per il reclutamento?
L'anno scorso ne avevamo zero, quindi ne avremo un po' di più (sorriso). Sarà tra gli 8 e i 10 milioni di euro, indipendentemente dalle eventuali cessioni.

“Siamo ancora in discussione con Steve Mounié”

Che dire di Lilian Brassier, che ad un anno dalla fine del contratto ha il buono d'uscita?
Non ho ancora ricevuto alcuna offerta per lui, né per nessun altro, del resto.

La Champions League è un fattore importante nella trattativa?
Cercheremo di mantenere quello che facciamo da anni. Non bisogna perdersi e preferisco raffreddare chi sogna nomi altisonanti.

Quali sono le posizioni mirate?
A livello offensivo innanzitutto, al centro e in attacco. Per quanto riguarda l'attaccante centrale stiamo ancora discutendo con Steve Mounié (fine del contratto). Per Martin Satriano non credo che riusciremo a soddisfare le richieste dell'Inter (che lo ha prestato la scorsa stagione). Stiamo lavorando su altri file. Quanto a Kamory Doumbia (in prestito dal Reims), per il momento non è nelle nostre corde, a livello finanziario.

READ  L'Olanda elimina la Romania e giocherà i quarti di finale degli Europei

“Non possiamo impedire che i giocatori siano motivati ​​al 100% per competere in Champions League. Ma serviranno giocatori pronti a lottare domenica”

Dovremo rinforzarci anche difensivamente…
Guardiamo alla posizione del terzino sinistro e dobbiamo anticipare la partenza di Lilian (Brasier), nell'asse. C'è un desiderio comune di continuare con Julien Le Cardinal (prestito dal Lens, la scorsa stagione). In questo settore, Achraf Dari (in prestito allo Charleroi, a gennaio) vuole giocare, quindi valuteremo le opportunità a sua disposizione.

E gli altri prestiti?
Taïryk Arconte, Karamoko Dembélé, Hianga'a Mbock e Josué Escartin non si uniscono.

Lo Stade Brestois avrà abbastanza rosa per fare bene in Ligue 1 e Champions League?
Per noi il campionato è molto più importante. Non possiamo impedire che i giocatori siano motivati ​​al 100% per competere in Champions League. Ma avremo bisogno di giocatori pronti a lottare domenica. Non devi commettere errori nel combattere. L'obiettivo è avere 25, 26 giocatori, di cui 19, 20 titolari. Dobbiamo migliorare la qualità dei giocatori che hanno un po’ meno minutaggio”.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *