Grigor Dimitrov batte Zizou Bergs e accede agli ottavi di finale al Roland-Garros



Zizou Bergs probabilmente non immaginava, nemmeno nei suoi sogni più sfrenati, che la sua avventura al Roland Garros sarebbe finita così. Sotto la scritta “Zizou, Zizou!” » dal campo di Philippe-Chatrier, più di 24 ore dopo aver iniziato il suo terzo turno il 14, affrontando a rete un ammirato Grigor Dimitrov alla fine della partita.

Il bulgaro, 10° al mondo, ha sfruttato la sua esperienza per raggiungere gli ottavi di finale del Grande Slam di Parigi (6-3, 7-6 (4), 4-6, 6-4). Domenica incontrerà Hubert Hurkacz, nell'ultima rotazione sulla Suzanne-Lenglen, per un duello il cui vincitore accederà ai quarti di finale al Roland-Garros per la prima volta nella sua carriera. Ma il belga, quasi 25enne (festeggerà il 3 giugno), reduce dalle qualificazioni e che tra una decina di giorni entrerà nella Top 100 del ranking Atp, ha dato appuntamento al futuro.

Bergs era un po' a corto di bottiglia per sopravvivere a un diligente Dimitrov e a tutte le avventure degli ultimi due giorni. Questa pioggerellina che lo ha disturbato nel primo set, durato 90 minuti intervallati da interruzioni dovute alla pioggia venerdì, e gli ha fatto commettere una serie di errori non forzati (44 in totale, 31 nei primi due set). Ha concesso così sette giochi di fila, passando dal 3-1 a suo favore al 6-3, 2-1, break di Dimitrov nel secondo set.

READ  I gironi francesi si sono riorganizzati per il torneo di Singapore

Questo dimostra la sfida che si è presentata sabato a Bergs, dopo un'altra giornata di attesa, sperando che la pioggia non smettesse di aprire uno spiraglio di ripresa. Ma l'immensità del momento e del luogo, per qualcuno che non aveva mai giocato una partita del sorteggio della finale del Grande Slam prima di questa settimana, non ha fatto tremare le braccia o le gambe. Ha resistito, ha salvato due set point sul servizio di Dimitrov, ha spinto fino al tie-break, cosa che il bulgaro ha coraggiosamente fatto.

Un combattivo Zizou Bergs

Questo esborso in due set non ha fatto battere ciglio Bergs, che ha continuato a ingaggiare la lotta appena ha potuto sulla diagonale e a proiettarsi in avanti con gusto (42 punti conquistati su 56 salite a rete).

Un atteggiamento conquistatore premiato con la vittoria del terzo set, prima di un quarto in cui i due giocatori hanno lasciato solo le briciole al servizio (4 punti persi da Dimitrov, 7 da Bergs). Ma il bulgaro ha aspettato il momento opportuno, sul 5-4, per spingere l'acceleratore che ha fatto piegare definitivamente il belga, finalmente preso dalla tensione. E insegnargli una lezione che gli tornerà sicuramente utile in futuro.

READ  Nassourdine Imavov contro Jared Cannonier nell'evento principale all'UFC Louisville



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *