Hubble è in cattive condizioni. Ecco il piano della NASA per mantenerlo in vita


Il telescopio spaziale Hubble, vera punta di diamante dell'esplorazione spaziale da quasi tre decenni, sta affrontando un nuovo grave problema: il guasto dei suoi giroscopi. Dei sei strumenti inizialmente installati, solo due di questi strumenti essenziali sono ancora operativi. Allora come manteniamo le operazioni?

Un problema con il giroscopio

Dal suo lancio nel 1990 a bordo del navicella spaziale Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha rivoluzionato la nostra comprensione dell'Universo fornendoci immagini spettacolari e preziosi dati scientifici.

Tuttavia, nel corso degli anni il telescopio ha richiesto diversi interventi di manutenzione per mantenere prestazioni ottimali. Queste cinque missioni di manutenzione, effettuate dagli astronauti a bordo dello Space Shuttle, hanno riparato e modernizzato gli strumenti di Hubble, garantendone la capacità di continuare ad esplorare l'Universo. Sfortunatamente, non tutto può essere risolto.

Sez giroscopi sono tra i componenti più critici di Hubble. Questi dispositivi sono infatti fondamentali per orientare il telescopio e mantenerlo stabile durante le sue osservazioni. Sfortunatamente, nonostante gli sforzi compiuti nel corso degli anni per sostituirli e ripararli, questi strumenti hanno mostrato segni di continui guasti e hanno quindi rappresentato una sfida crescente per le operazioni del telescopio.

Di fronte a questa situazione, la NASA ha esaminato diverse opzioni per prolungare la vita di Hubble. Una delle proposte prese in considerazione era quella di organizzare una missione di manutenzione per sostituire i giroscopi difettosi ed effettuare le altre riparazioni necessarie. Tuttavia, questa opzione presentava notevoli sfide logistiche e tecniche e avrebbe richiesto notevoli risorse.

buco nero intermedio Messier 4
L'ammasso globulare Messier 4 fotografato da Hubble. Crediti: ESA/Hubble e NASA

Un piano per far funzionare Hubble fino al 2035

Dopo aver valutato i pro e i contro di ciascuna opzione, la NASA alla fine optato per la decisione di mantenere il telescopio in funzione utilizzando un solo giroscopio e mantenendo il secondo di riserva.

READ  Un granello di polvere testimonia la morte esplosiva di una stella

Questa misura avrà naturalmente implicazioni significative per le sue attività scientifiche. In effetti, il telescopio lo farà più tempo puntando a nuovi oggetti nello spazio, il che ridurrà così l’efficienza della sua pianificazione di quasi il 12%. Inoltre, non sarà più in grado di osservare oggetti più vicini alla Terra di Marte, come Venere e la Luna. Questi ultimi infatti richiedono aggiustamenti più frequenti e rapidi della posizione del telescopio per un'osservazione efficace.

Tuttavia, nonostante queste sfide, i funzionari sono ottimisti sul fatto che continuerà a contribuire alla ricerca scientifica fino alla metà degli anni ’30. In collaborazione con il James Webb Space Telescope, Hubble forma una potente coppia che consente agli astronomi di osservare l’Universo in diverse gamme di luce. e raccogliere preziose informazioni sulla sua natura ed evoluzione.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *