I Blues in forze prima dell'inizio della Società delle Nazioni


Le piogge che hanno inzuppato questo mercoledì il loro hotel sul mare, alla periferia di Cannes, non hanno incoraggiato a lasciarsi distrarre dalle trappole della città della Costa Azzurra e dal suo festival. Meno male, i Blues erano lì per lavorare. Riuniti dal 6 maggioraggiunto martedì dal capitano Benjamin Toniutti, portatore della fiamma lunedì nella sua casa di Sète, e Jean Patry, otto giorni dopo la sconfitta nella finale di Champions League Con il club polacco Jastrzebski i giocatori di Andrea Giani stanno completando il primo ritiro in vista della stagione internazionale.

“Due cose importanti: buon allenamento e disciplina, insiste il tecnico italiano a titolo di opinione sulla Riviera. Questione di sonno, alimentazione, buona gestione del tempo libero… I giocatori hanno seguito bene il programma. »

Meno preoccupazioni fisiche rispetto allo scorso anno

Nessuna festa, quindi, ma esami fisici e medici, e un graduale aumento del carico di lavoro. “Non è tutto perfetto, ma penso che non avremo tanti problemi da affrontare come lo scorso anno, gli infortuni latenti si cancellano”giudica Laurent Lecina, il preparatore fisico, che non ha mollato il suo gregge per tutta la stagione, raccogliendone orari e volume di lavoro ogni domenica.

“Abbiamo avuto tutto l’anno il filo conduttore della squadra francese, il che sottolinea l’importanza di quanto sta accadendo”

Antoine Brizard, passante dei Blues

« Lo staff si incontra in video molto regolarmente, il programma è messo insieme ad un livello più alto di quello a cui eravamo abituati, continua Lecina. Tutto è ben oliato, stiamo andando tutti nella stessa direzione. Questo è un grande vantaggio. In questi primi quindici giorni siamo molto soddisfatti del lavoro svolto. La prossima settimana in Turchia non saremo al massimo della forma, ma la situazione sta lentamente migliorando e penso che non avremo tanti problemi da affrontare come l'anno scorso (dove alcuni giocatori avevano subito infortuni per tutta l'estate). »

Il gruppo di 15-16 giocatori (saranno 12, più un jolly medico, alle Olimpiadi) partirà con Toniutti e Patry, che dovrebbero già entrare in campo a Orléans, ma senza Stephen Boyer. Quello acuto, caviglia ferita durante una partita con il suo club, il Rzeszow, resterà in riabilitazione a Cannes. Si prevede che farà parte della squadra che si recherà a Manila, nelle Filippine, per la tappa finale del VNL, dal 19 al 23 giugno (dopo Ottawa, Canada, dal 6 al 9 giugno). Boyer sarà sostituito da Théo Faure (24 anni).



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *