I campioni del mondo Raphaël Varane e Adil Rami sensibilizzano gli scolari sulla dipendenza dallo schermo



I 540 studenti suddivisi in 20 classi del collegio Jean-Cocteau di Beaulieu-sur-Mer, tra Monaco e Nizza, sapevano una cosa del loro lunedì pomeriggio: sarebbe stato dedicato ai problemi legati alla dipendenza dagli schermi e dai social network. Ma non sapevano che i responsabili di trasmettere loro questo messaggio sarebbero stati due campioni del mondo 2018.

Nell'ambito del fondo di dotazione Generazione 2018, creato dalla squadra francese, vittoriosa quell'anno in Russia, Raphaël Varane e Adil Rami hanno parlato per due ore con gli studenti delle scuole medie, prima in classe, poi nel cortile dell'istituto. Sempre scherzoso, Rami non ha esitato a solleticare il suo giovane pubblico, composto dai sostenitori dell'OGC Nizza e dell'ASM, ringraziandolo  » un'accoglienza degna dello stadio Vélodrome », prima di circolare tra le file, microfono in mano, per interrogare gli adolescenti sulle loro pratiche con schermi e social network.

« Ogni giorno mi dico che ho avuto la fortuna di essere nato in un'epoca senza cellulari.ha testimoniato l'ex difensore. Alla tua età passavo tutto il mio tempo tra scuola, sport e amici. Grazie a questo sono diventato campione del mondo e ho avuto 17 anni di carriera. Devi essere consapevole che il tempo che perdi va a discapito delle tue passioni, dei tuoi amici, dei momenti trascorsi nella natura… »

READ  Pareggio delicato per i francesi allo Strasburgo Internationaux

« Sentono che c'è qualcosa di pericoloso, ma non sanno davvero come limitarne l'usoconfida Varane, che sabato ha vinto la FA Cup con il Manchester United. Con Generation 2018 scegliamo ogni anno le azioni da intraprendere e la dipendenza dallo schermo è un argomento che riguarda tutti noi. Non siamo arrivati ​​a dire cosa si deve o non si deve fare: è uno scambio. Non chiediamo agli studenti delle scuole medie di vivere in un mondo dove non esistono social network o schermi, ma di darsi delle regole e saperle usare bene. È stato chiesto loro cosa avrebbero fatto se non ci fossero stati gli schermi. Si sposterebbero subito verso cose più creative, come il disegno, o verso lo sport. Ciò si collega al tema della salute. Questo è un argomento davvero ampio.. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *