I francesi sono pieni a tutti i livelli… Cosa ricordare della mattinata agli Europei



C'è stato infatti un piccolo spavento per Makenson Gletty nei 110 ostacoli (ha saltato l'inizio della sua batteria) ma il decatleta ha avuto diritto ad una seconda possibilità ed era a 27 punti dal comando dopo il disco (6293 per Skotheim e 6266 per Gletty) . E mentre allo Stadio Olimpico è in corso il salto con l'asta, anche Kevin Mayer è ancora a segno per il suo obiettivo olimpico (5° con 6007 punti).

Kandissounon e Bourgoin sorprendono negli 800 m

Per il resto gli Azzurri sono stati impegnati nei vari eventi. Sugli 800 m, anche se il giorno prima non aveva visto la finale della corsa a ostacoli per andare a letto presto, Léna Kandissounon ha fatto l'impresa dominando la sua semifinale (2'00''11) e sarà presente alla finale il mercoledì.

“Non pensavo di poter ripetere quello che ho fatto ieri (Lunedì), ha spiegato. Ma l'ho fatto più velocemente. Quando ho deciso di attaccare, l’ho fatto con franchezza e fino alla fine. Penso che Keely (Hodgkinson, vicecampione olimpico) è intoccabile, molto concretamente. Ma dietro, è super aperto. Non devi lasciare andare nulla. Vedere Anaïs fare questo grande momento mi ha motivato, ci diciamo che tutto è possibile. »

Una finale dove incontrerà la connazionale Anaïs Bourgoin che ha approfittato della britannica Hodgkinson per battere il suo record, qualificarsi e raggiungere i minimi per le Olimpiadi (2a in 1'58''65). “È stata la gara dei sognidisse sorridendo. È passato molto rapidamente, non mi sono lasciato prendere dal panico. Sono stato paziente, sono tornato al campanello e nei 500 metri ho fatto lo sforzo. Mi rassicurò sentire gli altri respirare affannosamente. Sono riuscito a rimetterne qualcuno. Avere Keely davanti mi ha aiutato a prendere il suo passo. Ha resistito. Essere 1'58 è incredibile. »

READ  Serie Euro 84 (5/17): Enigmi in difesa

Pieno sui relè

Nelle staffette hanno fatto il pieno anche i francesi. Erano solo le manche, ma Orlann Oliere, Gémima Joseph, Maroussia Paré e Sarah Richard-Mingas hanno gridato di gioia quando hanno visto il tempo nella 4×100 m: 42″35. Non solo hanno vinto la seconda manche dietro agli inglesi (miglior tempo con 42″25), ma in più hanno fatto segnare il miglior tempo degli ultimi dieci anni per la squadra francese (42″29 nella semifinale di Euro 2014).

“Il momento è più che buono, ha confermato Orlann Oliere, il più esperto del quartetto. E qualunque sia la composizione, ci comportiamo bene. » Gémima Joseph completa: “Abbiamo avuto l’esperienza alle Bahamas, abbiamo fatto tanti raggruppamenti, ci fidiamo l’uno dell’altro, correremo dei rischi, faremo quello che sappiamo fare, alla fine otterremo ciò che meritiamo. »

Nella 4×100 m, gli azzurri (Antoine Thoraval, Jeff Erius, Ryan Zézé, Aymeric Priam) hanno firmato il 3° tempo nella loro serie, il 4° assoluto con 38″43 e saranno in finale come i due 4×400 m. David Sombé, Gilles Biron, Yann Spillman e Téo Andant hanno vinto la seconda serie in 3'00″77, miglior tempo della serie. Le loro controparti femminili, Sounkamba Sylla, Alexe Déau, Marjorie Veyssière e Amandine Brossier sono arrivate seconde dietro l'Irlanda, a pari merito con il Belgio, in 3'25″15. Questa è anche la seconda volta nella classifica combinata.

READ  I calciatori danesi rinunciano agli aumenti dei bonus per sostenere la squadra femminile

Kptacha si adatta alla lunghezza

La Francia potrà contare anche su Hilary Kpatcha nella finale di lunghezza. Alcuni atleti potrebbero essere rimasti sorpresi dal rimbalzo della pista rialzata del salto in lungo e del salto triplo, ma non la donna di Tolosa, che “mi è piaciuta la pista” e dopo un salto di 6,61 m (+0,8 m/s), ha ottenuto la qualificazione diretta alla finale con 6,82 m (+0,8 m/s): “Sono estremamente felice, mi sento molto bene. Per la finale adesso voglio divertirmi, finalmente avete le canne, perché è da un po' che lotto con gli infortuni. Costruiamo qualcosa di bello per quest'estate. »

Un po' al buio dopo le tensioni della riunione di Montgeron del 19 maggio, due giorni dopo aver battuto il record francese nel giavellotto (86,11 m), Teuraiterai Tupaia è stato perfettamente rassicurato nelle qualificazioni di questo martedì. Con un lancio di 81,46 m al terzo tentativo, non ha ottenuto la qualificazione diretta agli 82 metri, ma mercoledì dovrebbe disputare la sua prima finale in un importante campionato senior. La seconda competizione inizia alle 14:25.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *