I maestri di Tiger Woods



1997, inizia la leggenda

Il 13 aprile 1997, il mondo del golf cambia dimensione e scopre l'uomo che diventerà negli anni una leggenda. A soli 21 anni, Eldrick Tont Woods vinse il suo primo Master ad Augusta schiacciando tutto sul suo cammino. Tom Kite, il suo primo inseguitore, è relegato a 12 tiri. La leggenda è in corso.

Sébastien Audoux (allora giornalista di Canal +), Pierre-Michel Bonnot (L'Equipe), Grégory Havret, Jean-François Remésy e Bernard Pascassio (ex giocatore ed ex consulente di Canal+) vi faranno rivivere questa vittoria leggendaria.

2001 e 2002, Tiger Slam e doppietta

Quattro anni dopo il suo primo clamoroso titolo, Woods arrivò ad Augusta con in tasca uno US Open vinto schiacciando tutto a Pebble Beach, un British Open e un USPGA, i tre Major della stagione precedente. Questo Master è quindi per lui un'opportunità per raggiungere il Grande Slam in due stagioni. Tiger Woods è nel suo periodo di dominio assoluto e il titolo non gli sfuggirà. Eppure con due grandi avversari: David Duval e Phil Mickelson.

Anche con un percorso allungato di quasi 260 metri, questa vittoria del 2002 è quasi senza emozione. Piazzato al primo turno, il suo 66 (-6) di sabato ha permesso a Woods di prendere il controllo del torneo insieme a Retief Goosen. Gli inseguitori si chiamano Ernie Els, Vijay Singh, Phil Mickelson e Sergio Garcia. Ma alla fine è sempre Woods a vincere.

2005, chip leggendario e quarta giacca verde

10 aprile 2005: un'altra domenica leggendaria. Woods vince la sua quarta casacca verde anche se non è arrivato ad Augusta al meglio della forma. Con un nuovo swing ma senza vittorie Major dagli US Open del 2002. Un periodo di scarsità lungo, troppo lungo, che suscita commenti da parte degli osservatori. Alcuni addirittura lo vedono già in declino.

Ma in Georgia l'americano è di casa e lo scenario di questo 69esimo Masters volgerà ancora una volta a suo vantaggio. Per diventare un po' più leggendari ci vuole una firma, un capolavoro, una mossa leggendaria come il suo chip al 16 dell'ultima giornata.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *