I Philalphia 76ers si rianimano contro i New York Knicks con 50 punti di Joel Embiid



I Philadelphia 76ers sono stati in grado di dimostrare le risorse mentali per riprendersi dopo la straziante fine di Gara 2 contro New York. Giovedì sera, durante Gara 3, sono riusciti a battere i Knicks, risultando più efficaci soprattutto dopo la ripresa, 125-114, ottenendo due vittorie a una in questo primo turno degli spareggi della Eastern Conference. Joel Embiid è stato il grande artefice di questo successo con una partita da 50 punti (13 su 19 tiri, 19 su 21 tiri liberi riusciti), 8 rimbalzi, 4 assist e una stoppata. Eppure, il giornalista di ESPN Adrian Wojnarowki ha rivelato che il pivot soffriva di una paralisi facciale idiopatica (Paralisi di Bell in inglese) che lo tormentava fin dalla partita di play-in contro Miami.

Questa paralisi, causata dall'infiammazione di un nervo facciale, nella stragrande maggioranza dei casi è temporanea. Si è “notata” quando un video della partita 2 ha fatto il giro dei social network. Mostrava Embiid che lottava per sbattere le palpebre con l'occhio sinistro. Senza confermare il nome della malattia, “se digiti i sintomi su Google li troverai facilmente”ha appena detto, ha confermato la natura del male: “Tutto è iniziato un giorno o due prima della partita di Miami, quando avevo una forte emicrania. Pensavo non fosse niente, ma alla fine ne ho parlato lo stesso… Ma è per questo che contro Miami non c'ero. È imbarazzante, la parte sinistra del viso, la bocca, l'occhio… È stata difficile ma non mi arrendo facilmente. È un peccato ma non è una scusa. »

READ  "Chi ha creato questa squadra è un truffatore", Bernard Laporte accusa i suoi predecessori a Montpellier

In campo, il nuovo nazionale americano non ha mostrato nulla portando avanti la sua squadra e dando un po' più di peso alla promessa, lanciata dopo la sconfitta in gara 2, di vincere questa serie. È stato particolarmente decisivo nel terzo quarto, quando la partita è andata a favore dei 76ers che erano sotto di tre punti all'intervallo (55-58). Durante questo periodo, Embiid ha segnato 18 punti, realizzando tutti i suoi tiri da tre punti. È stato ben supportato da Tyrese Maxey (25 punti, 7 assist) e un buon periodo dal sostituto Cameron Payne (11 punti, 3 assist). Per quanto riguarda Nicolas Batum, ha giocato 29 minuti per 4 punti (1 su 2 tiri), 6 rimbalzi, 2 assist, 2 stoppate e 1 intercetto.

Dal lato dei Knicks, Jalen Brunson ha fatto meglio che difendere, segnando 39 punti e fornendo 13 assist. Josh Hart ha contribuito con 20 punti, ancora in vista a tre punti (4 su 8) ma Donte DiVincenzo, eroe di gara 2, ha segnato solo 5 punti (2 su 7 tirando). I Knicks hanno visto anche Mitchell Robinson venire colpito alla caviglia sinistra dopo un'azione confusa con Joel Embiid dove quest'ultimo, già caduto a terra, lo ha preso alle gambe facendolo cadere. Ha ricevuto un fallo flagrante per la sua azione e si è difeso ricordando l'azione in cui Jonathan Kuminga è caduto in ginocchio all'inizio della stagione. “Devo tutelarmi, mi sono trovata in questa situazione troppe volte”ha sostenuto.

READ  Nuovo podio per i fiorettisti francesi ai Mondiali di Hong Kong

In questo contesto, Gara 4, particolarmente importante per la trama della serie, promette di svolgersi in un'atmosfera elettrizzante, soprattutto perché i tifosi di New York hanno dimostrato di poter essere numerosi a Filadelfia. Giovedì sera, ci è voluto tutto il talento di Embiid per metterli finalmente a tacere nei corridoi del Wells Fargo Center.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *