I ricercatori fanno una scoperta cruciale sul sonno profondo


I neuroscienziati hanno recentemente fatto una scoperta sorprendente che potrebbe trasformare la nostra comprensione del sonno e dei disturbi ad esso associati.

Il ruolo sottovalutato dell’ippocampo

Il sonno umano è generalmente suddiviso in tre fasi principali, ciascuno caratterizzato da modelli distinti di attività cerebrale. La prima fase, chiamata N1, segna l'inizio dell'addormentamento, mentre la seconda fase vede i nostri muscoli rilassarsi gradualmente e l'attività cerebrale rallentare ulteriormente. La terza fase, spesso considerata la più importante per il recupero e la crescita del corpo, è il sonno profondo durante il quale dominano onde cerebrali lunghe e lente accompagnate da brevi esplosioni di attività chiamate fusi.

Tradizionalmente, questi fusi venivano attribuiti a un singolo circuito cerebrale collega il talamo (centro del cervello) alla corteccia esterna. Lo suggerisce però uno studio condotto da ricercatori dell’Università della California il cavalluccio marinouna regione del cervello tipicamente associata alla memoria, potrebbe anche svolgere un ruolo chiave nella generazione di queste onde cerebrali durante il sonno profondo.

I ricercatori sono giunti a questa conclusione utilizzando tecniche avanzate di imaging cerebrale, come l’elettroencefalografia (EEG), per registrare e analizzare i modelli delle onde cerebrali nei partecipanti mentre dormivano. Osservando i dati, hanno notato una correlazione tra l'attività dell'ippocampo e la generazione delle onde cerebrali caratteristiche del sonno profondo, in particolare i fusi. Hanno poi scoperto che l’attività dell’ippocampo era sincronizzata con questi modelli di onde cerebrali, suggerendo un potenziale collegamento tra questa regione del cervello e la regolazione del sonno profondo.

Inoltre, conducendo esperimenti su modelli animali e manipolando selettivamente l’attività dell’ippocampo, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare che le alterazioni in questa regione del cervello avevano un impatto diretto sulla generazione delle onde cerebrali del sonno profondo. Questa manipolazione sperimentale ha rafforzato l’ipotesi che l’ippocampo svolga un ruolo attivo nella modulazione dell’attività cerebrale durante questa fase specifica.

READ  Julian Alaphilippe si è infortunato durante le Flandriennes
dormi dormi
Crediti: Ridofranz / iStock

Quali sono le implicazioni per il sonno?

Evidenziando il coinvolgimento dell'ippocampo nella generazione dei fusi, questo studio offre nuove informazioni sul funzionamento del sonno supporta l'elaborazione della memoria durante il riposo notturno. Inoltre, questa scoperta potrebbe avere importanti implicazioni per la ricerca e il trattamento dei disturbi del sonno. Comprendere come l’attività dell’ippocampo influenza il sonno profondo potrebbe infatti aprire la strada a nuovi approcci terapeutici trattare i disturbi, prendendo di mira specificamente questa regione del cervello.

In futuro, il gruppo di ricerca spera di esplorare ulteriormente il potenziale terapeutico della modulazione dell’attività dell’ippocampo per migliorare sia la qualità del sonno che la funzione cognitiva. Questa ricerca potrebbe aprire nuove prospettive nel campo e offrire speranza a chi soffre di disturbi del sonno, aprendo la strada a interventi più mirati ed efficaci per migliorare la salute e la qualità della vita.

I dettagli dello studio sono pubblicati in Rapporti scientifici.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *