I ricercatori sviluppano un metodo per incoraggiare le cellule adipose a bruciare calorie


Nella lotta all’obesità, una recente scoperta degli scienziati dell’Università della California a San Francisco (UCSF) apre nuove prospettive: la possibilità di trasformare le cellule adipose bianche nelle loro controparti beige, capaci di bruciare calorie invece di limitarsi a immagazzinare energia. Questo progresso potrebbe rivoluzionare il trattamento dell’obesità e delle complicanze ad essa associate, offrendo nuove speranze per terapie più efficaci e meglio tollerate.

Comprendere la sfida dell’obesità e i tipi di cellule adipose

L’obesità, un crescente problema sanitario globale, è spesso collegato a condizioni come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache che sono esacerbate dall’eccessivo accumulo di grasso bianco attorno all’addome. In effetti, il cellule adipose bianche che sono principalmente dedicati allo stoccaggio energetico sono essenziali, ma possono diventare pericolosi in eccesso.

D’altra parte, il cellule marroni svolgono un ruolo cruciale nella termogenesi, generando calore bruciando zuccheri e grassi per mantenere la temperatura corporea.

Scoperto più recentemente, cellule adipose beige combinano le caratteristiche delle cellule bianche e marroni, fornendo una flessibilità unica per immagazzinare o bruciare energia a seconda delle esigenze del corpo.

Il nostro corpo può convertire naturalmente le cellule adipose bianche in cellule marroni/beige, ma solo in piccole quantità e in condizioni specifiche. Da tempo, quindi, gli scienziati sono alla ricerca di un modo per farlo in modo più efficace per aiutare a prevenire o curare le malattie sopra menzionate. Fino ad ora, però, questi sforzi non hanno ancora portato a trattamenti sicuri, da qui l’interesse per questa nuova scoperta.

cellule adipose del tessuto adiposo grasso obesità
Micrografia elettronica a scansione colorata (SEM) di un campione di tessuto adiposo. Crediti: Steve Gschmeissner

Nuova svolta scientifica

Uno studio condotto da ricercatori dell’Università della California ha recentemente individuato il Proteina KLF-15 come elemento chiave nel regolare questa transizione.

READ  Gli antichi cerchi di pietre in Norvegia nascondono un oscuro segreto

Modificando geneticamente i topi in modo che mancassero di KLF-15 nelle loro cellule adipose bianche, i ricercatori hanno osservato specificamente una trasformazione significativa di queste cellule in cellule adipose beige. Questi sono in grado di effettuare la termogenesi e bruciare i grassi per produrre calore corporeo. Questa scoperta suggerisce che la proteina KLF-15 svolge un ruolo cruciale nel meccanismo di conversione. Si apre così la strada allo sviluppo di nuovi potenziali trattamenti per l’obesità.

Questi risultati sono stati supportati da ricerche preliminari condotte su cellule di grasso umano. Anche in questo caso gli scienziati hanno osservato che la proteina KLF-15 interagisce specificamente con il recettore Adrb1, un recettore adrenergico coinvolto nella regolazione del metabolismo lipidico ed energetico. Questa interazione sembra giocare un ruolo chiave nel processo di trasformazione delle cellule adipose bianche in cellule beige.

« Molte persone pensavano che non fosse fattibile « , dichiarato in a comunicato Brian Feldman, autore principale dello studio. “ Abbiamo dimostrato non solo che questo approccio funziona nel trasformare queste cellule di grasso bianche in cellule beige, ma anche che il livello per raggiungere questo obiettivo non è così alto come pensavamo. »

Quindi, sebbene la ricerca sulle cellule adipose bianche e beige sia ancora in una fase preliminare, queste scoperte aprono la strada a nuove strategie di controllo. Con ulteriori ricerche e studi clinici, questi progressi potrebbero effettivamente portare a trattamenti più efficaci e meglio tollerati per milioni di persone che soffrono di obesità e delle sue complicanze.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *