i tardigradi sono il segreto della vita eterna?


I tardigradi possono essere piccoli (tra 0,1 e 1,2 mm) e avere un aspetto surreale (con le loro otto zampe e un paio di occhi), ma la loro impareggiabile capacità di sopravvivenza di fronte a condizioni estreme affascina i ricercatori da molto tempo. Infatti, né la mancanza di ossigeno né di acqua, né le temperature estreme, né le radiazioni cosmiche e ultraviolette, né colpi di pistola non possono sconfiggere gli orsi acquatici, quindi questi metazoi abitano la Terra da almeno 500 milioni di anni e sono riusciti a sopravvivere a cinque estinzioni di massa avvenute in passato. E se queste straordinarie capacità potessero essere messe al servizio della salute umana?

Si tratta in ogni caso di una strada esplorata dall'Università del Wyoming (Stati Uniti) che ritiene che le proteine ​​di questi affascinanti organismi invisibili a occhio nudo potrebbero permetterci… di contrastare gli effetti dell'invecchiamento.

Studiate le folli abilità dei tardigradi

A livello mondiale esistono più di 1.300 specie diverse che popolano il mondo intero, dai fondali oceanici più profondi alle vette terrestri più alte. Possiamo però trovarli anche più vicino a noi, ovunque nell’ambiente. Sebbene diversi fattori possano spiegare come questi animali siano diventati campioni di resilienza e capacità di adattamento al caldo intenso, al freddo gelido, alla siccità prolungata, all’alta pressione o anche nel vuoto dello spaziola robustezza di questi organismi risiede in gran parte criptobiosi (chiamata anche biostasi o animazione sospesa).

Non diversamente dal letargo, questo estremo stato di dormienza in cui i tardigradi entrano in risposta a condizioni ambientali avverse e stressanti consente loro di farlo rallentano significativamente il loro metabolismo e i loro processi vitali fino al punto in cui sembrano quasi inattivi. Questa capacità consente loro di sopravvivere per periodi prolungati senza acqua, anche in ambienti estremamente ostili. Quando le condizioni tornano favorevoli, i tardigradi possono uscire dalla criptobiosi e riprendere le normali attività. Questa capacità di transizione tra uno stato attivo e uno stato dormiente lo è cruciali per la loro sopravvivenza.

READ  Victor Dubuisson se lance dans le coaching

Tuttavia, è proprio studiando i meccanismi alla base di questa biostasi di fronte ai fattori di stress che Silvia Sanchez-Martinez, ricercatrice principale presso il Dipartimento di Biologia Molecolare dell'Università del Wyoming, e il suo collega Thomas Boothby hanno avuto l'idea di utilizzando le proteine ​​di questi animali per salvare vite umane.

tardigradi tardigradi
Crediti: dottedhippo/iStock

Proteine ​​per rallentare il metabolismo

Nel loro studio pubblicato nel marzo 2024 sulla rivista Protein Science, gli scienziati spiegano di averlo fatto introdotto con successo proteine ​​tardigradi nelle cellule umane. In un comunicatoDott.ssa Silvia Sanchez-Martinez, « sorprendentemente, quando introduciamo queste proteine ​​nelle cellule umane, gelificano e rallentano il metabolismo, proprio come nei tardigradi. Inoltre, proprio come i tardigradi, quando si mettono in biostasi cellule umane che contengono queste proteine, diventano più resistenti allo stress « . In breve, l’utilizzo di queste proteine ​​ha reso possibile questo conferire alle cellule umane capacità specifiche per queste creature ultra resistenti.

Tuttavia, gli scienziati sono particolarmente lieti di averlo scoperto questo processo è reversibile. Come afferma il professor Thomas Boothby, “ quando lo stress viene alleviato, i gel tardigradi si dissolvono e le cellule umane riprendono il normale metabolismo ».

A cosa serve questa ricerca sui tardigradi?

Gli scienziati stimano che “ questi risultati aprono la strada al perseguimento di tecnologie focalizzate sull’induzione della biostasi nelle cellule e persino negli interi organismi per rallentare l’invecchiamento e migliorare la conservazione e la stabilità (celle, ndr).” Queste proteine ​​potrebbero infatti consentire a conservazione ottimale degli organi vitali e dei prodotti biologici nel caso in cui la refrigerazione sia impensabile. Potrebbe anche e soprattutto migliorare lo stoccaggio dei materiali fragili utilizzati nelle terapie cellulari, a cominciare dalle cellule staminali. Inoltre, questo team aveva già preso in considerazione in passato l’uso di queste proteine ​​per stabilizzare il fattore antiemofilico A (noto anche come fattore VIII) utilizzato per trattare l’emofilia senza refrigerazione.

READ  Ligue 2: L'Angers domina il Troyes, il Saint-Étienne rovescia il Bordeaux

E naturalmente, in un lontano futuro e dopo ulteriori ricerche, pensano anche che parte di questa resilienza potrebbe accadere applicare direttamente alle nostre cellule e ai nostri tessuti per rallentare l’invecchiamento negli esseri umani.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *