I velocisti africani potranno porre fine alla dominazione americana?



Prima di iniziare la sua stagione a Nairobi al Kip Keino Classic, Letsile Tebogo ha visto i velocisti africani dominare la stagione, culminando con i Giochi Olimpici di questa estate. Di fronte al dominio degli americani nel mondiale sprint, da quando Usain Bolt si è ritiratogli africani hanno pochi argomenti per competere con Noah Lyles (9''83 come primato personale) e i suoi connazionali ai Giochi di Parigi.

Tebogo per battere gli americani

Letsile Tebogo, 20 anni e già due volte medagliato ai Campionati del mondo di Budapest, ha tutto per scuotere la gerarchia degli sprint ai Giochi Olimpici. Africano più veloce della storia sui 200 metri con 19''50 nel 2023, il diamante del Botswana è andato vicinissimo a vincere l'oro in Ungheria, dietro Noah Lyles (9''83 contro 9''88) nei 100 m. Tebogo ha iniziato la sua stagione con un secondo posto in 19''71 a Nairobi sulla mezza pista, a pari merito con l'americana Courtney Lindsey. Di fronte al dominio degli americani e di Lyles, tre volte campione del mondo a Budapest e medaglia di bronzo a Tokyo, Tebogo appare l'unica vera competizione in grado di porre fine al dominio americano.

Simbine e Omanyala sono outsider

Considerato da Letsile Tebogo come suo  » fratello maggiore « , Akani Simbine colleziona piazzamenti d'onore nei grandi eventi: tre Top 5 ai Mondiali, quinto alle Olimpiadi di Rio, quarto a quelle di Tokyo. A Parigi il 30enne sudafricano può ancora fare un passo avanti, nonostante la squalifica in semifinale dei Mondiali di Budapest. Primatista sudafricano, con i suoi 9''84 realizzati nel 2021 a Székesfehérvár in Ungheria, Simbine ha iniziato la sua stagione vincendo il meeting di Suzhou della Diamond League (10''01), davanti all'americano Christian Coleman (10''04 ), favorito per i prossimi Giochi.

READ  Thibau Nys firma la sua seconda vittoria al Giro d'Ungheria vincendo la 4a tappa

Proprio come Simbine, Ferdinando Omanya sta facendo pieni progressi. Il keniano detiene il record africano nella massima disciplina con il 9”77 nel 2021, mentre un anno prima correva in 10”32. Licenziato a Miramas, nel sud della Francia, l'ex ala del rugby a sette ha concluso la scorsa stagione con un record annuale di 9'84 a Nairobi e ha confermato il suo nuovo status, con una medaglia di bronzo durante l'ultima Diamond League.

Vanno da molto lontano

Emanuele Matadi conosce già i Giochi Olimpici. Portabandiera di una selezione liberiana composta da soli due atleti a Rio, il velocista non è riuscito a superare la serie nel 2016. A 33 anni, ha convalidato il suo biglietto per Parigi, grazie al record ottenuto in 9''97 a Memphis il 4 agosto. In 14 anni di carriera sui 100 metri, Matadia è sceso sotto i 10” solo due volte, sicuramente troppo poche per sperare di raggiungere le semifinali quest’estate. Emanuele Esme sceso sotto i dieci anche nel 2023. Grazie al suo record nel Giura svizzero, a La Chaux-de-Fonds in 9''96, il camerunese vivrà la sua prima Olimpiade. Semifinalista ai Giochi di Tokyo, il nigeriano Usheorise Itsekiri non è ancora sicuro di essere qualificato per quelli di Parigi. Proprio come la speranza ugandese Tarsis Grazioso Orogot (21 anni) con un record personale di 19''90 nei 200 metri nel 2023.

READ  La nepalese Phunjo Lama batte il record femminile di scalata dell'Everest

Asinga nella sfocatura

Prodigio dei 100 metri e primatista mondiale junior con il suo 9''89 a San Paolo, il giovane surinamese Issam Asinga (18 anni) ha saltato i Mondiali di Budapest a causa di di sospensione a seguito dell’utilizzo del GW 1546. Il suo caso non è ancora stato risolto dall'Atletica Integrity Unit (AIU), sebbene sia qualificato per i Giochi di Parigi.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *